28 Maggio 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA E PAN PARK

E.N.G.E.A. COME SEMPRE PRIMI..!

 


573910536È difficile definire un’area selvaggia; solitamente si fa riferimento ad ampie zone giunte sino a noi sostanzialmente non modificate da opera umana e dove i processi naturali hanno seguito praticamente indisturbati la propria evoluzione millenaria. Spesso, in presenza di una natura apparentemente selvaggia, paesaggi più suggestivi e la biodiversità più varia sono in realtà il risultato dell’antica presenza di attività umane in questi luoghi e del loro successivo abbandono.

Spesso questi scrigni di biodiversità sono protetti da parchi e riserve, ma si trovano in aree marginali da un punto di vista socio-economico.

Dal 2005 il Parco Nazionale della Majella, nel cuore dell’Appennino centrale abruzzese, vanta – unica area protetta in Italia – la certificazione PAN Parks.

PAN Parks è l’unica organizzazione di dimensioni europee interamente dedicata alla protezione della wilderness, intesa anche come occasione di sviluppo per le economie locali, soprattutto legate al turismo.

La sfida dell’equilibrio (tutt’altro che facile da raggiungere e mantenere) fra conservazione della biodiversità e sviluppo compatibile delle economie locali è ancora più difficile nelle aree wilderness come il Parco della Majella.

Oltre a certificare la qualità della gestione ambientale del Parco – un patrimonio naturale di raro valore, un piano di gestione efficace, programmi e azioni coerenti per la preservazione dell’ambiente, una Strategia per lo Sviluppo del Turismo Sostenibile del Parco – PAN Parks certifica gli operatori privati che operano sul territorio nel settore del turismo, riconoscendo il valore aggiunto che gli operatori turistici che lavorano in questi particolari ambiente contribuiscono generare, da un lato diffondendo il piacere della scoperta della natura selvaggia e dall’altro operando in sintonia con le finalità del Parco, tutelando con le maggiori accortezze il valore di unicità e delicatezza della wilderness.

Primo parco dell’Europa Occidentale e della regione mediterranea ad ottenere la certificazione PAN Parks, il Parco Nazionale della Majella, unico in Italia, è un raro esempio di wilderness in un contesto densamente antropizzato come quello italiano ed europeo.

L’area wilderness della Majella si estende sulle vette più alte del massiccio, ambienti sommitali (dai 1.400 ai quasi 3.000 metri di quota) dove la natura ha subito pochi influssi da parte dell’uomo se non sottoforma di caccia (proibita ormai da decenni) e pascolo, ormai in abbandono.

Sono le cime fra le più alte dell’Appennino e circondate dai mari: a pochi chilometri da Adriatico e Tirreno, più della metà del Parco si estende sopra i 2000 m, con paesaggi modellati dall’azione dei ghiacci che gli conferiscono tutt’oggi un aspetto “lunare”: morene, vallette nivali, ghiaioni, altopiani e un ambiente simile alla tundra nordeuropea.

Guide Equituristiche ed escursionistiche accompagnano i visitatori alla scoperta dei mille volti della natura selvaggia del Parco durante tutte le stagioni che ne dipingono il volto, con l’opportunità di immergervisi come più si preferisce: a cavallo, in bicicletta, sugli sci; educatori ambientali e personale specializzato nei centri di visita del Parco accolgono il turista con professionalità, illustrando le peculiarità del patrimonio naturale e culturale del Parco e dando al turista le informazioni essenziali sulle opportunità di visita e sul modo migliore per godere della wilderness nel modo più adeguato alle sue capacità.

Tutti gli operatori certificati sono impegnati nella riduzione degli impatti diretti e indiretti sull’ambiente derivanti dalle proprie attività, rispettando la cosiddetta “capacità di carico”, attuando un uso attento delle risorse energetiche, utilizzano prodotti tipici e provenienti dal territorio, riducendo imballaggi ed emissioni, usando prodotti biodegradabili per le pulizie.

ENGEA è il primo ente associazionistico nell’equestre ad ottenere questa certificazione grazie ai Quadri Tecnici Frank MONTEFUSCO e Claudia SARTORE che hanno affrontato con entusiasmo e dedizione il percorso formativo e superato le verifiche finali; una realtà esclusiva di ENGEA che da anni opera nella wildnerness con viaggi, avventure e trekking a cavallo unici nel loro genere.

Una rete di persone, accompagnatori e strutture che rappresenta, in definitiva, un punto di riferimento sicuro per i turisti più attenti alla sostenibilità delle loro azioni anche in vacanza e che desiderano scoprire il volto selvaggio del Parco Nazionale della Majella stando sicuri che il loro soggiorno lascerà solo un ambiente incontaminato e, nei loro cuori, un’esperienza indimenticabile.

ENGEA, sostenibilità in punta di zoccoli!

E.N.G.E.A.

La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti