17 Agosto 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

GRUPPO ITALIANO ATTACCHI: Con un Cavallo e un Buggy

Ricordo bene l’esperienza sensoriale di guidare il buggy da bambino. L’odore del cavallo mentre sentivo il rumore degli zoccoli che battevano sulla strada. Seduto in grembo a mia madre, coperto da un abito pesante per tenere a bada il freddo invernale mentre mio padre aveva salde le redini in mano.

Di Marcus Yoder. Photo credits: tuttoamerica.it; lancaste-county.com; amishamerica.com; oacounty.com
 
 
Un’auto qualsiasi avrebbe percorso a fatica le strade di campagna strette che usavamo più spesso.
 
A volte andavamo in chiesa alle funzioni e il nostro buggy non era molto diverso per colore e forma dagli altri 20-30 buggy posteggiati fuori dalla chiesa.
 
Altre volte andavamo nei villaggi della zona dove nei pomeriggi estivi acquistavamo dei coni gelato e leccavamo il gelato che si scioglieva, mentre eravamo sulla via del ritorno a casa.
 
Perché usare il cavallo e il buggy quando avremmo avuto i mezzi per acquistare un’auto perfettamente funzionante?
 
Perché nutrire il cavallo con l’avena e il fieno potendo “riempire il serbatoio” di benzina nel villaggio vicino?
 
Mentre vari gruppi mennoniti hanno adottato l’uso e la proprietà dell’automobile moderna, gli Amish hanno mantenuto l’uso del cavallo e del buggy.
 
Lo hanno fatto con la convinzione, non che l’automobile sia peccaminosa, ma piuttosto che la proprietà dell’automobile cambierebbe in modo significativo la stretta struttura della famiglia, della chiesa e della comunità.
 
Questa struttura e questo tipo di connessione è più importante delle moderne comodità e quindi continuano a utilizzare questa modalità di trasporto.
 
I buggy differiscono significativamente da un gruppo all’altro.
 
I gruppi più conservatori hanno meno servizi e comfort e i loro veicoli sono più semplici di quelle di altri gruppi.
 
Il Vecchio Ordine, il Nuovo Ordine e i gruppi più avanzati di Amish hanno segnalatori luminosi moderni e funzioni di sicurezza che li rendono molto più visibili sulle strade.
 
Stephen Scott, che ha studiato i buggy degli Amish ha affermato che ci sono almeno 90 diverse varietà di carrozze trainate da cavalli in uso tra i vari gruppi di Amish, Mennonite e Brethren in Nord America.
 
Hanno colori e forme che possono aiutare a identificare i diversi gruppi a cuiappartengono.
 
Come le persone, anche i buggy all’interno di un gruppo specifico possono differire in base ai bisogni e all’età del proprietario.
 
Il primo buggy del ragazzo Amish è un fatto da celebrare, come per le fasi di passaggio degli adolescenti di tutto il mondo, e, molta attenzione è dedicata alla lucidatura, al pavoneggiamento e ai dettagli.
 
Le famiglie solitamente usano le biposto, spesso chiamate Surrey, simili ai minivan della famiglia moderna.
 
Dai finimenti all’emblema sul retro del buggy, le differenze sono spesso visibili e le persone all’interno della comunità sono in grado di identificare l’età del proprietario, lo stato sociale e l’affiliazione alla chiesa dalla forma e dal design della carrozza.
 
Dato che i buggy e il traffico automobilistico possono essere un mix pericoloso, spesso le cortesie reciproche possono essere praticate da entrambe le parti per rendere il mix più sicuro.
 
Quando guidi in Amish County, devi fare attenzione perchè potrebbero esserci dei buggy di là dalla collina successiva. Supera quando è sicuro e possibile, piuttosto che rallentare il traffico che si accumula dietro il buggy e che rende nervosi sia il guidatore che il cavallo.
 
Per favore non fermarti per fare foto, a meno che non ci sia un posto sicuro per fermarsi a farlo.
 
Molti dei gruppi Amish sono anche consapevoli del fatto che i ferri dei cavalli possono causare un’usura unica all’asfalto.
 
Le strade con solchi simili a scanalature sono spesso quelle più usate dagli Amish.
 
Negli ultimi anni, il vecchio Ordine e il Nuovo Ordine di Amish hanno messo una tassa volontaria sui buggy, dato che non acquistano le targhe.
 
La tassa equivale a quasi lo stesso costo per buggy che i residenti pagano per le targhe automobilistiche.
 
L’unica richiesta che fanno è che i soldi, che sono dati volontariamente agli enti locali, siano utilizzati per finanziare la costruzione e la riparazione di strade nell’area di loro competenza.
 
In questo modo riconoscono che restituire è importante anche come cittadini responsabili nel nostro mondo oggi.
 
 
A lato immagini di Buggy tradizionali, Buggy da corteggiamento, Buggy aperti e Omnibus Amish.

Redazione


Gruppo Italiano Attacchi


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti