6 Dicembre 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

Focus razze equine: il Cavallo Sanfratellano

Scopriamo le origini, le caratteristiche e le attitudini di una particolare razza equina. Oggi parliamo del Cavallo Sanfratellano.

Sulle origini del cavallo Sanfratellano si hanno conoscenze solo frammentarie. La tradizione locale vuole che discenda da quei cavalli da battaglia, da soma che accompagnano i fondatori dell´antica San Filadelfio, oggi San Fratello, in provincia di Messina, e cioè quei Lombardi venuti nel XI secolo. Il Sanfratellano si adatta bene a molti ruoli negli sport equestri di campagna ed è un'ottimo cavallo da scuola per i maneggi e per il turismo equestre.
Ottimo cavallo carrozziere eccelle negli attacchi ed alle redini lunghe per l'alto grado di intesa con l'uomo. Diversi soggetti lavorano a tutt'oggi sulle piste del circo equestre sia in Italia che all'estero.

 

Negli ultimi anni, taluni soggetti in purezza e/o incrociati, hanno intrapreso con lusinghieri risultati la "carriera sportiva" cimentandosi in gare di dressage e salto ostacoli. Obiettivo di selezione è la ricerca e la sperimentazione tesa a mettere a disposizione le caratteristiche tipiche del Sanfratellano alle più concrete e moderne esigenze del mercato sportivo equestre. Per ciò piccoli gruppi sperimentali ed altamente selezionati di "Fattrici Sanfratellane" sono adibite alla monta incrociata con stalloni di altre razze oculatamente scelti per caratteristiche, carattere, modello, mantello, attitudine e performance-sportive.

 

LUOGO DI ORIGINE:
Pendici settentrionali dei Monti Nebrodi (Regione Sicilia)

 

ATTITUDINI:
Sella e tiro leggero.

 

POPOLAZIONE:
Cavallo di interesse nazionale.

 

ALTEZZA AL GARRESE:
Maschi: 152
Femmine: 150

 

MANTELLO:
Baio oscuro, morello.

 

CARATTERISTICHE:
Buona nevrilità, discretamente docile, rustico, frugale, resistente alle avversità climatiche, idoneo allo sfruttamento di aree marginali.

 

STANDARD DI RAZZA:
– Testa: profilo tendente al rettilineo, anche se a volte montonino; sono tollerati pochi peli bianchi;
– Collo: generalmente corto e rettilineo, con abbondante criniera;
– Spalla: muscolosa, con buona inclinazione, a volte breve;
– Garrese: giustamente pronunciato;
– Dorso: di giuste proporzioni, può presentare una lieve insellatura in relazione al tipo di allevamento;
– Lombi: ampi e ben attaccati alla groppa;
– Groppa: ben sviluppata, muscolosa e di giusta inclinazione;
– Petto: di giuste dimensioni;
– Torace: generalmente ampio, profondo, in armonia con le altre regioni;
– Arti: notevole sviluppo scheletrico e muscolare, con braccio di giusta
lunghezza ed inclinazione, avambraccio proporzionato, stinco robusto con tendini evidenti;
– Articolazioni: ginocchio e garretto spessi e larghi, di giusta apertura, esenti da altre dure e molli;
– Andature: normali;
– Appiombi: nella norma e regolari;
– Piede: proporzionato e solido.
– Circonferenza torace: maschi 175, femmine 173
– Circonferenza stinco: maschi 19, femmine 19

 

DIFETTI CHE COMPORTANO L´ESCLUSIONE DAL REGISTRO ANAGRAFICO
– Mantello: diverso da baio o morello;
– Balzane: presenza anche in tracce;
– Testa: tollerati pochi peli bianchi in fronte;
– Taglia: marcatamente diversa dallo standard

Lo Standard è stato definito da appositi Gruppi di Lavoro; sono stati effettuati i riscontri di campo e sono successivamente intervenute delibere di approvazione da parte della Commissione Tecnica Centrale.

 

DATI STORICI:
Le sue origini sono incerte. Alcuni studiosi sostengono che la razza derivi da cavalli siciliani (equus sicanus) famosi nell'antichità e citati dai greci e dai romani. Altri affermano che discendano dai cavalli che i Lombardi avevano lasciato al seguito della Regina Adelaide di Casale Monferrato, terza moglie di Ruggero I, e che lasciarono nella vecchia San Filadelfio, oggi San Fratello.

 

Questa teoria è confermata da alcune caratteristiche della razza, molto simili a quelle dei cavalli svevo-germanici e lombardi, anche se, a causa degli incroci e dell'adattamento ambientale, il Sanfratellano ha mutato i propri caratteri somatici. Le prime notizie di incroci fatti per migliorare le caratteristiche risalgono ai primi decenni del 1800 quando esemplari di razza sanfratellana vennero incrociati con stalloni di origine tedesca, inglese, maremmana e salernitana.

 

Da allora è stato fatto un lungo lavoro per l'esaltazione delle doti di robustezza e resistenza alle fatiche e per adeguare gli esemplari all'ambiente nel quale la popolazione viene allevata allo stato brado. I documenti raccolti dall'Istituto di Incremento Ippico di Catania, documentano l'evoluzione anatomica dell'animale.

 

In particolare emerge che, nell'ultimo secolo, il Sanfratellano è stato incrociato con stalloni di derivazione inglese e orientale (1925) allo scopo di correggere alcuni difetti (statura modesta) senza però ingentilire le forme.

 

A partire dal 1935 furono introdotti nelle stazioni selezionate sei stalloni di cui uno derivato orientale (Bricco), uno Maremmano (Zello) e quattro derivati inglesi (Dardo, Errante, Elini, Maccarese) allo scopo di fissare i caratteri acquisiti. I prodotti di questi stalloni furono impiegati per il meticciamento interraziale e completarono, quindi, la formazione dell'attuale modello del Cavallo Sanfratellano. A partire dal 1958, per dare uniformità al mantello e per aumentare la massa muscolare, il Sanfratellano fu fatto incrociare con stalloni di razza Nonius, importati dall'Ungheria. Attualmente la popolazione di Cavalli sanfratellani ammonta a circa 5000 unità, con circa 1600 fattrici.

 

 

Per maggiori informazioni sul Cavallo Sanfratellano visitare il sito dell'Associazione A.N.A.C.S. l'Associazione Nazionale Allevatori Cavallo Sanfratellano www.cavallosanfratellano.com

www.cavallosanfratellano.com


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti