6 Dicembre 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

Iniziative e aggiornamenti dall’ANPANA

l’Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente
che si batte per la tutela e la valorizzazione degli equini

1) MAFIA E IPPICA: SEQUESTRATI PUROSANGUE A CLAN SANTAPAOLA

 

Una brillante operazione della Dia di Catania ha portato alla scoperta di importanti partecipazioni del clan mafioso Santapaola nell'ippica ufficiale mediante l'acquisto di cavalli che gareggiavano in regolari concorsi nazionali.

Sono stati sequestrati 5 purosangue tra Roma e la Sicilia, che sono stati affidati alle cure dei veterinari A.S.L. Tra essi c'è anche un campione di nome Mister Personal, vincitore di diverse gare negli ippodromi italiani ed è stato cavalcato dal noto fantino Lanfranco Dettori (risultato estraneo all'inchiesta).

Gli altri cavalli, pure certificati e registrati all'U.N.I.R.E. sono: furia Cieca, Alsvir, Monblond e Alca Pasha. Ciò conferma l'interesse delle organizzazioni criminali per l'attività ippica, il quale inquina la legalità del settore come dimostrano le tante truffe che vengono alla luce con frequenza inquietante; proprio il mese scorso sono state denunciate decine di persone, collegate ad un altro clan catanese, per scommesse clandestine sui concorsi ippici all'ippodromo San Siro e per gioco d'azzardo.

Secondo l'Osservatorio Nazionale Zoomafia della LAV ˆ che ricorda i reati connessi di detenzione, spaccio e uso di sostanze dopanti – i dati analizzati non lasciano dubbi sulla pericolosità del fenomeno: nel solo 2006 sono state denunciate 237 persone, 53 arrestate e 170 identificate, 143 cavalli sequestrati, 7 corse interrotte, un ippodromo e tre maneggi sequestrati, oltre a 10.000 confezioni di farmaci e sostanze vietate usate per dopare i cavalli. La LAV ha chiesto pertanto a Prefetti e Forze dell'Ordine di "intensificare la vigilanza negli ippodromi, utilizzando strumenti investigativi finora ignorati, o quasi, come le verifiche di natura fiscale e finanziaria sui proprietari di cavalli, su società e scuderie."

 

2) NO AL PALIO DI SIENA PATRIMONIO UNESCO

 

E' iniziata alla Camera la discussione sulla ratifica della Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immaterialeda parte dell'Unesco, occasione "ghiotta" per i sostenitori del palio di Siena i quali vorrebbero che venisse candidato nell'ambita lista dei beni da riconoscere.

Il primo a scendere in campo è stato il deputato senese Franco Ceccuzzi, il quale ha parlato a nome dell'Ulivo e questo ci sembra molto preoccupante così come lo è il generale silenzio delle associazioni animaliste che sulla questione non si sono ancora pronunciate (a parte l'E.N.P.A.). Degno di nota e di lode è l'intervento critico dell'On.le Bruno Mellano (La Rosa nel Pugno) che ha dichiarato: "Per quanto mi riguarda i diritti degli animali, come i diritti dell'uomo, sono garantiti a livello internazionale e credo che non debbano far parte della difesa del patrimonio immateriale importanti manifestazioni che non tengono conto di una nuova sensibilità rispetto agli animali". Parole, per noi pienamente condivisibili, che hanno suscitato la furiosa reazione dell'On.le Riccardo Migliori (AN) il quale ha addirittura presentato un'interrogazione parlamentare al Presidente del Consiglio dei Ministri per chiedere se il Governo intenda o meno "avanzare la candidatura italiana naturale del palio di Siena all'interno della prestigiosa lista dell'Unesco".

L'A.N.P.A.N.A. – settore Tutela Equini – invece non ci sta e ha promosso un'azione di opposizione a detto piano sciagurato poiché permettere questo riconoscimento equivarrebbe ad una clamorosa sconfitta per tutto il movimento animalista. Così, dopo aver inutilmente scritto al Ministro dei Beni Culturali Francesco Rutelli – nel marzo scorso, ha inviato una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri e invita tutti ad unirsi alla protesta scrivendo per esprimere la propria contrarietà nei confronti della proposta che mira ad includere il palio di Siena tra i beni culturali immateriali dell'Unesco e chiedere al Governo di bocciarla poiché nella strage dei cavalli in nome della tradizione non c'è nulla di culturale.

Potete inviare il vostro messaggio al Prof. Romano Prodi al seguente link: www.governo.it/scrivia/scrivi_a_presidente.asp

Ricordate che è estremamente importante far sentire la propria voce di dissenso in quanto i cavalli non possono farlo. A margine riferiamo che il 22 settembre si è svolta all'ippodromo di Pian delle Fornaci la prima rassegna morfologica dei puledri da palio, nati nell'ambito del progetto del Comune di Siena per l'allevamento dei mezzosangue (come se questo bastasse a eliminare i rischi insiti in una pista strutturalmente inadatta).

 

3) MISTERIOSA MORTE DI TRE ASINI SPAZZINI A CASTELBUONO (PA)

 

Abbiamo appreso con profonda tristezza e costernazione la notizia della morte, finora misteriosa, di tre dei nove asini utilizzati da gennaio scorso per la raccolta differenziata dei rifiuti nel Comune di Castelbuono (PA). L'iniziativa era stata accolta in maniera critica dalle associazioni animaliste, ma il Sindaco aveva rassicurato tutti circa il buon trattamento degli animali ed un carico di lavoro compatibile con le loro caratteristiche etologiche.

Lo stesso aveva altresì dichiarato che ogni asino sarebbe stato „sottoposto a periodiche visite veterinarie da parte dell'ASL. Ci chiediamo – dunque – cosa possa aver provocato il decesso dei tre asini, avvenuto a poche ore di distanza, ma solo i risultati delle analisi effettuate dall'Istituto Zooprofilattico di Palermo potranno chiarire l‚arcano e risalire ad eventuali responsabilità.

Nell'attesa rileviamo con una certa preoccupazione, alla luce di quanto accaduto, l'annunciata volontà del Sindaco di andare avanti con il progetto e di potenziare il servizio che sarà esteso all'intero Comune.

Pensiamo che, in una simile circostanza, sarebbe stato meglio da parte sua fermarsi a riflettere sull'opportunità di proseguire su questa strada se non altro per consentire a tutti di comprendere quali problemi sono alla base di un esito così nefasto e regolarsi di conseguenza.

 

4) PESSIMA FESTA CON PONY IN PALIO

 

il 22 e 23 settembre si è svolta a Borno (BS) la Festa della Transumanza, organizzata dalla Pro-loco, la quale prevedeva una serie di lotterie tra i cui premi c era un pony ed altri animali (un vitello, una coppia di canarini, una di pappagalli e un coniglio). Una scelta che non esitiamo a definire "folle" poiché contraria all'etica e ai più elementari principi di tutela degli animali.

Non solo, in Lombardia ciò è espressamente proibito dalla Legge Regionale 16/06 che all'Art. 3 – comma 3 – recita: "E' vietato usare animali come premio o regalo per giochi, feste e sagre, lotterie, sottoscrizioni o altre attività".

E allora, com'è possibile? Sembra che nella zona sia una radicata consuetudine quella di assegnare animali vivi nelle lotterie di paese, tanto che le Autorità e le istituzioni locali considerino la cosa del tutto normale. Invece non è né giusto né tanto meno lecito, perciò l'A.N.P.A.N.A. presenterà presto un esposto alla Procura della Repubblica e farà quanto possibile per far cessare dette usanze arcaiche. Gli animali non sono oggetti e devono essere trattati con rispetto!

 

5) PONY ABBANDONATO SALVO GRAZIE ALL'A.N.P.A.N.A.

 

Si è conclusa positivamente la brutta avventura di un pony che, ferito e sofferente, era stato probabilmente abbandonato nelle montagne in località Campitello Matese a San Massimo (CB).

Dopo aver appreso di alcune segnalazioni pubblicate dalla testata giornalistica www.altromolise.it , l'A.N.P.A.N.A. – Settore Tutela Equini – aveva scritto al Sindaco e al Corpo Forestale dello Stato invitandoli ad attivarsi urgentemente per un suo recupero al fine di soccorrerlo e prestargli le cure necessarie.

Ebbene, pochi giorni fa abbiamo ricevuto una nota del Comune il quale riferisce di essersi prontamente attivato in tal senso, "Infatti, a seguito di segnalazione da parte del Comando Stazione del Corpo Forestale di Bojano (CB) ha proceduto, su specifica richiesta, all'affidamento del pony per la cura e il mantenimento a favore del Sig. S.S..

Dal Verbale allegato, inoltre, risulta che si tratta di una femmina la quale si presentava in "carente stato di nutrizione con esiti di frattura di vecchia data all'arto anteriore sinistro e che, pertanto, si presume che l'animale sia stato abbandonato dal proprietario". Una brutta storia che, fortunatamente, non ha avuto l‚esito drammatico che avrebbe potuto avere senza un intervento immediato.

 

6) ISTITUTO INCREMENTO IPPICO DI FOGGIA: E' LOTTA PER SALVARLO

 

Il Comitato pro IRIIP comunica di aver promosso una mobilitazione per salvare lo storico Istituto di Foggia, famoso per la selezione e la produzione del cavallo Murgese e dell'asino di Martina Franca.

C'è, infatti, chi vorrebbe smantellarlo e chi si batte strenuamente affinché sia preservato.

Il Comitato ha pertanto scritto al Presidente della Giunta Regionale, Nichi Vendola, al quale contesta la fantomatica creazione di un non meglio specificato Incremento Ippico di Taranto e il suo accorpamento al noto Istituto foggiano con conseguente cambio di denominazione in "Ufficio Incremento Ippico di Taranto e di Foggia con sede a Foggia" (!). Un'incomprensibile operazione politica che sembra voler sminuire la centralità dell'IRIIP a favore del neonato organismo di Taranto, che esiste solo sulla carta.

Noi ci siamo astenuti dal prendere posizione non avendo garanzie sulla destinazione finale dei cavalli usati dall'IRIIP quando vengono ritirati dalla riproduzione.

 

7) PROTOCOLLO DI INTESA CON ASS. MASCALCIA E PODOLOGIA

 

L'A.N.P.A.NA – Settore Nazionale Tutela Equini, l'associazione designata per la Tutela Legale degli equini affidati, sigla un importante Protocollo di Intesa con l'Associazione Accademia Mascalcia e Podologia, con la finalità di fruire di consulenze per i cavalli oggetto di maltrattamento relativamente agli aspetti di corretta gestione e conservazione del piede equino. I

l Settore Nazionale Tutela Equini ha riconosciuto nell‚ Associazione Accademia di Mascalcia e Podologia, un partner ottimale, con ideali condivisi e di comprovata competenza per garantire, su tutto il territorio Italiano, agli affidatari degli equini oggetto di maltrattamenti un riferimento di elevata professionalità per tutte le problematiche annesse.

E' da rilevare infatti – che la maggior parte dei cavalli di cui l'ANPANA si occupa sono cavalli che spesso provengono da condizioni di inadeguata detenzione, a volte oggetto di sequestro, e che frequentemente presentano per tali motivazioni complesse problematiche podologiche. Inoltre gli allievi dei corsi dell'Accademia che abbiano gia maturato rilevanti competenze nell‚ ambito del pareggio conservativo potranno volontariamente offrire la loro disponibilità nel seguire questi cavalli e riportarli ad un appiombo fisiologicamente corretto . Dettagli agli indirizzi : http://www.alture.net/wp/sostegno/

 

8) NOTIZIE DAL MONDO

 

Mentre prosegue negli USA la battaglia degli animalisti volta ad ottenere l‚approvazione di una proposta di legge che bandisca la macellazione dei cavalli e la loro esportazione a questo scopo, riferiamo che tre giurie della Corte d'Appello hanno riaffermato la costituzionalità di una legge dell'Illinois la quale proibisce la macellazione dei cavalli per consumo umano.

L'unico mattatoio di questo Stato è la Cavel International che aveva avviato una causa nella Corte federale contestando e sfidando il mandato costituzionale. Ora Cavel ha solo due opzioni: rimanere e violare il regolamento (con tutte le conseguenze del caso); chiedere alla settima Corte di rivedere la legge e la stessa potrebbe riconsiderare la decisione presa dalle tre giurie o appellarsi direttamente alla Suprema Corte.

Quest'ultima, però, si era rifiutata di accogliere analoghe richieste presentate dagli altri due stabilimenti che operavano in Texas e che sono stati conseguentemente chiusi. Il solo rimasto negli USA è dunque quello dell‚Illinois e tutti ci auguriamo che cessi presto la sua macabra attività di morte.

 

9) HANNO TROVATO CASA SOTTO TUTELA ANPANA

 

– DORAEMON, la cavalla Purosangue Inglese di 3 anni, di cui avevamo pubblicato l'appello nel sito, è stata adottata da Cristina di Forlì che le farà dimenticare i traumi dovuti alle corse a cui era stata destinata e che a lei non piacevano affatto (al punto che non vuole più vedere una sella). Invece è una cavalla dolcissima e tanto mite con chi sa rispettarla e amarla.

– MYSTIC MELBA, un'ex fattrice trotter di 21 anni, dimessa da un allevamento e perciò a rischio macello. Siamo felici di averle potuto evitare questa terribile sorte e di averla affidata a Roberto della provincia di Pesaro Urbino che le offrirà amicizia e serenità per il resto della sua vita.

 

* Cerchiamo persone disposte ad ospitare gratuitamente equini in casi di emergenza (es. rischio macello) e/o in attesa di adozione. Agevolerebbero molto il nostro lavoro e aumenterebbero le possibilità di salvezza. Coloro che possono offrire questo tipo di aiuto sono pregati di comunicarcelo scrivendo a posta@anpana.tutelaequini.org o contattandoci al n. 349/6619481.

 

10) CERCANO CASA

 

Vi ricordiamo che altri cavalli aspettano ancora di essere adottati:

http://www.alture.net/wp/category/appelli

 

A.N.P.A.N.A.
Ass. Naz. Protezione Animali Natura Ambiente
Settore Tutela Equini

www.anpana.tutelaequini.org

La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti