11 Agosto 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

Il lungo viaggio Milano Parigi, intervista ai protagonisti

Un’ impresa che richiede coraggio, questa mille Kilometri che porta 3 equipaggi ad attraversare le Alpi per raggiungere Parigi con partenza da Milano il giorno 29 Agosto! Ad un paio di mesi dalla partenza abbiamo intervistato i protagonisti, proprio quando comincia la preparazione intensa dei cavalli, dei mezzi,lo studio accurato delle tappe e quando i componenti degli equipaggi cominciano a provare la voglia e l’ansia della partenza. Nelle brevi interviste, di seguito riportate, cerchiamo di raccogliere informazioni, di far emergere l’atmosfera e di tracciare contemporaneamente un breve profilo dei protagonisti.
 

QUOTA ROSA CON GRINTA!

Silvana Fasoli, vice presidente dell’Associazione A.V.E.L.A., ha cominciato a praticare gli attacchi da circa vent’anni.
Le due pariglie che Silvana e sua sorella Milena (equipaggio tutto al femminile) utilizzeranno sono composte da Nina e Pinta, due cavalle Ungheresi e Tiziana e Tatiana, due Cob normanne giovani ma forti e bravissime. Trascorrono tutti i giorni dell’anno al paddock, da marzo vengono utilizzate per manifestazioni e servizi nei fine settimana. A giugno verranno portate in alpeggio a 1640 m.
Qui, ogni giorno, alternativamente, le due pariglie faranno dei percorsi sempre più lunghi e con pendenze maggiori. All’inizio saranno strade bianche con saliscendi, poi si passerà alle strade asfaltate dove la carrozza scorre più facilmente, ma che avranno chilometri di salite e discese costanti. Le cavalle, precisa Silvana, verranno abituate ad alimentarsi con un mangime specifico studiato, fin dalla prima edizione della 1000 Km., dal laboratorio di ricerca di una nota casa di alimenti per animali, molto energetico, ma a lento rilascio e completo di vari integratori.


Sia Silvana che la sorella, che si alterneranno alla guida verso Parigi, hanno frequentato una palestra per tutto l’inverno per rinforzare le braccia ed anche la schiena. Silvana ci informa che ha già fatto due sopralluoghi del percorso in Italia e Francia ed ha trovato la disponibilità di guide del posto per gli itinerari. Lei sa prevedere le difficoltà: l’attraversamento e le circonvallazioni delle grandi città presentano sempre qualche problema sia per il traffico intenso e veloce, sia per il rischio di sbagliare strada. Gli automobilisti, (i peggiori nelle passate esperienze sono stati gli ungheresi) non sono sempre pazienti nell’incrociare i cavalli, alcuni si fermano per scattare foto intralciando il traffico, altri strombazzano, altri ancora seguono il convoglio per leggere il tabellone che campeggia dietro il camper; i meno pazienti sono i camionisti, ma si sa, stanno lavorando… Anche il passaggio delle Alpi attraverso il valico del Moncenisio sarà impegnativo per la pendenza prolungata da superare….e questa fatica sarà tutto sulle spalle dei cavalli!
L’aspetto dei lunghi viaggi che più affascina Silvana è la lentezza dell’incedere che permette di godere la vista di paesaggi sempre diversi, di osservare la gente incuriosita, di rispondere alle domande di chi non riesce ad immaginare un viaggio in carrozza di mille km. Un altro aspetto interessante è la forte complicità che si crea col trascorrere delle giornate tra gli equipaggi e tra questi ed i cavalli, un legame per il quale basta un’occhiata ed ognuno sa cosa deve fare: ogni azione è tesa al fine comune, al motto di “Uno per tutti e tutti per uno”, si impara ad accettare i propri e gli altrui limiti.



UN INCREDIBILE OTTANTENNE!

Il Dottor Lelio Giusti, 80 anni passati da un po’, pratica gli attacchi da una vita ed ha partecipato con i suoi murgesi (Oceano, Orto, Raul, Ramir) a tutte le mille chilometri fin qui organizzate. Desidera in primo luogo ringraziare le associazioni siciliane A.S.A e G.A.P. per il sostegno dato nel corso del Viaggio in Trinacria.
A chi gli chiede cosa lo spinga a sottomettersi ogni anno a viaggi così faticosi risponde:
“L’impresa:
– è impresa rivivere la memoria di un passato che ci riporta ai nostri Nonni;
– è impresa il dubbio da cui viene assalito di continuo ogni equipaggio lungo il cammino di poter raggiungere la meta finale;
– è impresa vincere il costante pensiero se i cavalli sono stati ben allenati, se saranno all’altezza del loro compito, se raggiungeranno la meta finale integri, se non sono stati sottoposti ad uno sforzo eccessivo;
– è impresa il coraggio degli equipaggi che dietro ogni angolo possono trovarsi ad affrontare difficoltà e pericoli improvvisi.”
La prima difficoltà che si incontra è il reperire fondi per il viaggio che è piuttosto costoso e fattibile solo da chi ha impegni lavorativi compatibili o ha raggiunto la pensione; difficile trovare sponsor ed Enti Sportivi disponibili al finanziamento, soprattutto in questo periodo di crisi…
La sicurezza della carovana deve essere continuamente ricercata attraverso strategie di spostamento: automezzo di testa con lampeggiante, cartello sul veicolo di chiusura con l’indicazione inizio carovana, mantenimento tra le carrozze di una distanza ravvicinata per evitare che le auto si frappongano, comunicazione continua tra gli equipaggi.
Lelio Giusti tiene molto a far notare come la soluzione della scuderia mobile per le urgenze abbia portato un radicale cambiamento nella tranquillità del viaggio… una volta sistemati i cavalli, gli equipaggi sono più facili da alloggiare.
Fondamentale per salvaguardare gli animali è che le pariglie siano ben coese al passo; cavalli che procedono all’unisono al trotto, a volte non si comportano allo stesso modo al passo: un cavallo potrebbe lasciar tirare sempre l’altro, con sovraccarico di fatica per quest’ultimo, soprattutto in salita

 

UN SOGNO CHE PARTE DALLA SICILIA!

Tommaso Gargallo da Castel Lentini è nuovo a queste esperienze, attacca da sempre, fa gare di attacchi da quando aveva 25 anni, oggi ne ha 48 anni. La sua passione, ci dice, è gareggiare con il tiro a 4, ma in Italia non è facile…e allora è passato alla pariglia. Precisa che da giovane praticava la lotta e lo spirito e la forza del lottatore, lo portano naturalmente verso il tiro a 4, guidando il quale si dice maggiormente in grado di distribuire le forze. Ha vinto un Campionato Italiano di Attacchi, nel ‘98 ha partecipato ai Weg di Roma piazzandosi migliore fra gli italiani, e a 2 Campionati del Mondo.
Il groom in questa impresa sarà Davide Errante, il suo maniscalco, che guiderà il camion, uno dei due mezzi, oltre la carrozza, (l’altro è il camper) che gli serviranno per il viaggio. Il camion lo sta attrezzando a scuderia mobile. Trasporterà 4 cavalli Terni, Icaro, Teddi e Corrado sono castroni mezzosangue lipizzani, tra gli 11 e i 6 anni; sanno fare tutto, sono polivalenti, dal dressage montato al salto, ma prevalentemente attacchi e già hanno partecipato ai Campionati Italiani a Roma
La carrozza è una marathon modificata, allungata e attrezzata con capote, insomma adattata a questa esperienza. Non è elegante, ma è possibile trasportarla con il camion e i 4 cavalli. Infatti Tomaso Gargallo parte da molto lontano, da Siracusa in Sicilia.
Il primo contatto con questo tipo di viaggio avventuroso è stato piacevolissimo, sottolinea – lo scorso anno durante La Lunga Trottata della Trinacria, ma l’idea del cavallo e del viaggio, ci confessa, è sempre stata un suo sogno. “Un giorno lo farò!” pensava “ed è arrivata l’occasione”.
Sostiene che è l’anno giusto, poiché quest’anno non è impegnato con gare. Ci racconta del suo impegno e di ciò che lo stimola, cioè preparare i cavalli, averli pronti per l’impresa. Ci descrive con precisione l’alimentazione e il training di circa 30 Km giornalieri, i periodici check veterinari e l’attenzione alla capacità di sforzo dei cavalli. E’ convinto che sarà un gran piacere dal viaggiare, dal rivedere la Francia che adora, dall’incontrare gente incuriosita, educata, che apprezza ed ama i cavalli, come i francesi
E’ orgogliosissimo di essere il rappresentante del Gruppo Italiano Attacchi in questa impresa e di far parte del GIA. Sostiene che con la sua partecipazione cercherà proprio di diffondere i valori che il Gruppo Italiano Attacchi rappresenta: la Tradizione, la cultura, lo sport, l’amore per gli attacchi. Si rammarica di non poter portare una carrozza d’epoca adeguata, ma la lunghezza del viaggio e la sicurezza impongono altre scelte.

Miriam Magnoni


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti