1° WEBINARTutte le tue domande al Veterinario + 2 ore di formazione e utili consigli per la gestione quotidiana del cavallo.
30 Marzo, ore 18 ISCRIVITI SUBITO
29 Maggio 2024

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

San Patrignano. Challenge Vincenzo Muccioli, con il forestale Gaudiano l’Italia vince.

Gaudiano nella hall of fame del Csi 5* dedica la vittoria ai ragazzi della comunità

Grandissimo Gaudiano, entrato stanotte di diritto nella hall of fame di San Patrignano. Galvanizzato dalla bella vittoria nella gara del pomeriggio l’agente del Corpo Forestale dello Stato ha sferrato una zampata da autentico leone conquistando con il suo Chicago 84, un Holsteiner di undici anni, il Gran Premio Acqua Uliveto-15° Challenge Vincenzo Muccioli con un doppio percorso netto e il tempo di 46,59 secondi, lasciandosi alle spalle il Gotha del salto ostacoli mondiale.


Secondo posto, infatti, per lo svizzero Beat Maendli con Louis IV (0/0, 47,09) e terzo per il fuoriclasse tedesco Ludger Beerbaum – premiato comunque con un orologio Rolex come miglior cavaliere del concorso – in sella a Chaman (0/0, 47,30), che fino all’ultimo centesimo di secondo e all’ultimo metro di tracciato hanno tentato di battere l’imprendibile cavaliere azzurro.
È stata un’attesa tricolore lunga sette anni. Tanto è passato, infatti, dalla vittoria di Vincenzo Chimirri con Askoll Defi Platiére (ricordiamo che prima di lui avevano siglato il Gran Premio del Csi di San Patrignano anche Juan Carlos Garcia, allora in sella ad Albin III per i colori della Colombia, e l’indimenticato Guido Dominici con Friso).


Al barrage hanno avuto accesso i 17 concorrenti capaci di non commettere errori nel giro base. Da affrontare con il cuore impavido e un occhio sempre sulle lancette del cronometro, i suoi 340 metri hanno messo severamente alla prova i binomi richiedendo il massimo tecnicismo.
Gaudiano, dopo aver saltato ed essersi portato in testa, ha seguito il resto del barrage da solo, distante dallo schermo che trasmetteva il percorso dei rimanenti sfidanti. È così che quando si è reso conto che nemmeno Houtzager, l’ultimo dei cavalieri a scendere in campo, sarebbe riuscito a fare un tempo migliore del suo, Emanuele si è sciolto in un grande sorriso e i suoi occhi hanno iniziato a brillare.


Una cascata di strette di mano e pacche sulle spalle per il suo primo successo al Gran Premio del CSI5* Challenge Vincenzo Muccioli a cui nemmeno lui sembra credere.
«È il cavallo che è stato grande», dice. «Sa saltare e l’ha dimostrato. Ha fatto un percorso eccezionale e nonostante fossimo in tanti nel barrage è risultato il migliore”. Tanti i complimenti per lui, particolarmente gradito quello di Ludger Beerbaum che gli è passato accanto facendogli il segno del pollice alzato. «Ho gareggiato con alcuni dei cavalieri migliori al mondo e lui per me resta sempre il più forte. Stupendo averlo battuto. Dedico questo successo a tutti coloro che mi stanno vicino e ai ragazzi di San Patrignano».


A entrare in campo per il Gran Premio Acqua Uliveto-15° Challenge Vincenzo Muccioli sono stati 43 partecipanti, tra i quali figuravano ben 12 amazzoni (cinque delle quali ammesse al barrage). Nella prova notturna sul campo in erba degno di un green non sono state le imponenti misure dei 15 salti a impensierire i concorrenti, chiamati però a mostrare tutta la loro abilità in particolare sulle combinazioni.

La doppia gabbia, a metà percorso, presentava infatti un ingresso di largo, un verticale come secondo elemento, che obbligava a riprendere rapidamente il cavallo, e un oxer in uscita, per superare il quale era richiesta al saltatore una grande concentrazione e la capacità di rispondere rapidamente agli aiuti. La gabbia, ultimo ostacolo del percorso, composta da una coppia di larghi da affrontare in direzione della porta, metteva nuovamente alla prova la reattività del cavallo e la sua sintonia con il cavaliere, che dopo il superamento del primo elemento doveva calibrare perfettamente la battuta per evitare di trovarsi troppo sotto all’ultima insidia e rischiare così di compromettere la gara proprio sul filo di lana.
 

Durante la premiazione del Gran Premio è stato conferito a Julia Kaiser il Premio Bracco quale miglior amazzone del concorso.
 

Classifica finale:
1) Emanuele Gaudiano (ITA) – Chicago 84 – 0/0 – 46,59
2) Beat Mandli (SUI) Louis IV – 0/0 – 47,09
3) Ludger Beerbaum (GER) – Chaman – 0/0 – 47,30
4) Gerco Schroder (NED) – Eurocommerce London – 0/0 – 47,60
5) Steve Guerdat (SUI) – Come on girl – 0/0 – 48,81
 

 

Gli occhi lucidi di Gaudiano per la vittoria al Challenge Vincenzo Muccioli

 

Dopo aver saltato ed essersi portato in testa, ha seguito il resto del barrage da solo, distante dallo schermo che trasmetteva il percorso dei rimanenti sfidanti. E’ così che quando si è reso conto che nemmeno Houtzager, l’ultimo dei cavalieri, sarebbe riuscito a fare un tempo migliore del suo, Emanuele Gaudiano si è sciolto in un grande sorriso e i suoi occhi hanno iniziato a brillare.


Una cascata di strette di mano e pacche sulle spalle per il suo primo successo al Gran Premio del CSI5* Challenge Vincenzo Muccioli a cui nemmeno lui sembra credere: “E’ il cavallo che è stato grande. Sa saltare e l’ha dimostrato. Ha fatto un percorso eccezionale e nonostante fossimo in tanti nel barrage è risultato il migliore”. Tanti i complimenti per lui, particolarmente gradito quello di Ludger Beerbaum che gli passa accanto facendogli il segno del pollice alzato: “Ho gareggiato con alcuni dei cavalieri migliori al mondo e lui per me resta sempre il più forte. Stupendo averlo battuto. Dedico questo successo a tutti coloro che mi stanno vicino”.
 

 

A San Patrignano è finalmente Italia con il forestale Gaudiano

 

Tricolore sul pennone più alto prima del gran finale sancito dalla disputa del Gran Premio Acqua Uliveto-15° Challenge Vincenzo Muccioli, che prenderà il via alle 21.30 sul magnifico campo in erba di San Patrignano.
Il merito di avere fatto risuonare per la prima volta da venerdì a oggi l’inno di Mameli va all’agente del Corpo Forestale dello Stato Emanuele Gaudiano e alla sua coraggiosa Cocoshynsky, femmina Westfaler di otto anni da Cornet Obolensky, stallone i cui figli si stanno facendo apprezzare a livello internazionale e che hanno fatto bella figura anche in questa edizione del concorso riminese.
 

 Il binomio azzurro ha fatto proprio il difficile premio numero 8 “Bracco” a difficoltà progressive – caratterizzato da un ostacolo jolly che ha mietuto vittime tra i nomi più illustri del campo – grazie a un perfetto equilibrio tra velocità e precisione concludendo con il massimo score, 65 punti, nel tempo di 45 secondi e 36 centesimi. Alle sue spalle un altro italiano, Lorenzo De Luca in sella al dodicenne Kwpn Skik, anch’egli a pieno punteggio nel tempo di 46,54, e terzo lo spagnolo Manuel Añon e Fantasia II, a lungo al comando della classifica provvisoria della gara e autori ieri di un’ottima performance della categoria winning round.
 

1) Emanuele Gaudiano (ITA) Cocoshynsky – 65 – (45.36)
2) Lorenzo De Luca (ITA) Sylk – 65 – (46.54)
3) Manuel Añon (ESP) Fantasia II – 65 .- (46.61)
4) Ludger Beerbaum (GER) Couleour Rubin – 65 – (47.18)
5) Eric Lamaze (CAN) Sidoline van de Centaur – 65 – (47.58)


Per ulteriori informazioni visitate il sito www.csi-sanpatrignano.org

 

 

 

Inserisci il nome dell´autore
www.csi-sanpatrignano.org


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Segui il Portale sui nostri social

Segui anche su

Altri argomenti