1° WEBINARTutte le tue domande al Veterinario + 2 ore di formazione e utili consigli per la gestione quotidiana del cavallo.
30 Marzo, ore 18 ISCRIVITI SUBITO
23 Giugno 2024

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

Viaggio a cavallo nel cuore dell’Italia

Dopo centinaia e centinaia di chilomentri, ecco l’aggiornamento del viaggio che stanno intraprendendo Dania Poggio ed Andrea Burdisso nella nostra bella Italia.

10 marzo ormai da tre mesi in viaggio. Partiti nella fredda giornata del 10 dicembre, dal cuneese Piemonte, con 2 cavalli a sella 2 a basto e 2 cani, eccoci arrivati in Abruzzo nel parco nazionale del Gran Sasso, precisamente nel piccolo abitato di Opi.

 

 

Qui ci siamo fermati tre settimane, in modo da rifocillare e riposare le nostre cavalcature.

 

 

Più di 600 km sono stati percorsi senza alcun ausilio meccanico e nel frattempo anche la compagnia è mutata, infatti la mula Dora ne è entrata a far parte.

 

 

I nostri destrieri, si sono cimentati in una serie di ostacoli naturali e non, da fare impallidire anche navigati trekker, percorrendo inizialmente l'Alta via dei monti liguri; questa si snoda sulla costiera alpina che si getta in mare, collegando Ventimiglia a Sarzana.

 

 

Corre su un percorso di 442 km su sentieri stretti e pietrosi diventando a volte una semplice traccia nell'erba e attraversando paesaggi unici da mozzare il fiato.

 

 

Proprio qui giunti nel parco dell'Aveto, all'altezza di Prato Mollo, siamo stati colti da un improvvisa bufera di neve, che ci ha costretti  scendere a valle lasciando l'alta via ed affidarci al buon cuore degli abitanti di Prato sopra la croce che hanno trovato riparo per noi e i nostri amici a 4 zampe.

 

 

Il Natale è passato qui sotto la pioggia battente di un alluvione che ha colpito il genovese e ci ha costretti ad una sosta forzata di diversi giorni ma ripartiti alla volta di Sarzana il mal tempo ci ha fermati nuovamente per ulteriori 6 giorni.

 

 

Accompagnati da un sole quasi estivo, lasciato a malincuore tanti cari amici, con un intera giornata prima sull'aurelia e poi sulla spiaggia semi deserta di Viareggio, siamo finalmente arrivati sul tracciato della via Francigena.

 

 

Questa l'antica via che i pellegrini d'Europa percorrevano dalla Valle d'Aosta per arrivare a Città del Vaticano. Il nostro viaggio da qui si è arricchito dal passaggio in città  dall indubbio valore storico culturale, quali San M iniato, San Giminiano, Monteriggioni, Siena ecc…

 

 

Come gli antichi pellegrini, abbiamo sostato in città medievali ancora cinte da mura, dove il tempo pare essersi fermato, ed il lento camminare degli zoccoli, ci ha portati dall'aspro entroterra ligure alle dolci colline senesi.

 

 

Un errore di calcolo ma forse non di via, ci ha visti approdare in Umbria, di fronte alla dorata città di Orvieto al tramonto.

 

 

Qui saliti sul monte Peglia alle spalle della cittadina, ci siamo resi conto di quanto grande può essere il cuore di chi come noi sa cosa vuol dire viaggiare; salvati da una pioggia battente ci hanno accolti davanti a un camino come fossimo amici navigati.

 

 

Da qui dopo una caotica e moderna Orvieto sotto le mure della medievale e antica, fra automobilisti impazienti, ci si para di nuovo di fronte la francigena. L'incedere dei cavalli e sicuro, lavorano affiatati e tranquilli, pare nessun ostacolo possa spaventali.

 

 

Giungiamo così sul confine con il Lazio, il paesaggio montagnoso lascia spesso spazio a laghi incastonati fra le vette e piccole pianure di valle. E il Tevere a metterci in difficoltà, con un piena improvvisa inonda le sabine (Roma) proprio nei giorni del nostro passaggio, cancellando strade e attraversamenti.

 

 

Troviamo spesso frane e alberi caduti trascinati a riva dalla corrente impetuosa; ci si trova spesso a camminare col fango alle ginocchia, conducendo i cavalli uno ad uno nei passaggi più pericolosi. Le montagne rifanno capolino pochi giorni dopo sul confine con l'Abruzzo, uno sfolgorante insieme di bianco delle rocce e il verde del muschio fra cascate dall'acqua pulita e gelida.

 

 

Paesi arroccati e sassosi si susseguono, Toffia, Scandriglia e Orvinio, fra piantagioni di ulivi e mandorli. Il Lazio ci stupisce, non immaginavamo tanta cruda bellezza.
 



Altre difficoltà ci si parano di fronte al passaggio in Abruzzo, il passo del diavolo fortunatamente sgombro di neve ci consente il passaggio alla parte più alta dell'appennino centrale scampando di pochi giorni la nevicata che ci avrebbe bloccato l'ascesa a questo versante.

 

 

Le montagne sono maestose, ricoperte in parte da faggete secolari pascolate da greggi e branchi di cavalli e muli semibradi. La fauna e unica, conta: orsi, lupi, aquile e cervi dai grandi palchi, questo e il luogo più selvaggio attraversato.

 


Fin ora il viaggio e stato ricco di emozioni uniche e indimenticabili, abbiamo montato la tenda ovunque, in casolari abbandonati, stalle, fienili e alberghi in disuso da decenni. Forse, non avessimo incontrato così tanta gente disposta ad aiutarci, indicarci la strada, accompagnarci per un breve tratto e darci rifugio, tanti chilometri non sarebbero stati percorsi. Questo è il nostro grazie a tutti voi.

 

 

 

Ora in partenza per il sud dell'Italia, l'avventura continua alla scoperta di nuovi paesi e amici.

 

 

 

Leggi l’articolo numero 1 pubblicato sul Portale del Cavallo per saperne di più del viaggio a cavallo ha hanno intrapreso Dania Poggio e Andrea Burdisso

 

 

M.P.


Il Network del Portale

La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Segui il Portale sui nostri social

Segui anche su

Altri argomenti