28 Giugno 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

La nuova frontiera dell’ultimo Samurai

Fra Yari, Naghinata, Yumi, Katane, ricordi di una vita lungamente trascorsa in giappone alla scuola dei più grandi maestri del sol levante, abbiamo incontrato l'ultimo samurai, ovvero Elio Dessì, che con la sua fedele compagna nella vita e nel lavoro, Antonella Lampis, ora vive a Guspini in Sardegna, sua terra natale, qui, questo campione del mondo di arti marziali a iedi e a cavallo (direttore tecnico della Associazione Arti marziali a Cavallo), ha allargato i suoi orizzonti: da "Maestro d'Armi" ad istruttore dell'ENGEA (ente nazionale guide equestri ambientali), vivendo in uno splendido angolo di Sardegna, sollecitato da amici, allievi, estimatori, amministratori comunali, ha deciso di intraprendere la riscoperta del suo territorio ad altezza di sella, seguendo due direttrici: quella culturle e quella ambientale.

Abbiamo quindi partecipato ad un incontro fra Elio Dessì ed il vicesindato di Guspini dott.Francesco Marras, ove quest'ultimo ha messo in evidenza la sinergia di interessi fra iniziativa pubblica e privata, facendo presente, fra l'altro, che entro due anni saranno operativi a Guspini tre alberghi, già in costruzione, per ampliare le possibilità ricettive della zona. Inoltre, si stanno recuperando antiche costruzioni come vecchi mulini, abitazioni tradizionali, e così via, creando una vasta zona museale per far rivivere, a beneficio dell'ospite, la Sardegna antica.

Fiore all'occhiello di questo tipo di iniziative è quello di dare un volto nuovo all'antica miniera di Montevecchio, pur lasciandone il fascino antico. Si tratta di istituire un nucleo di guide per quel patrimonio storico, in quanto il comune di Guspini sta portando avanti il progetto di rendere visitabile la vicina miniera di Montevecchio, la più grande e la più antica d'Italia e forse d'Europa.
A tale scopo, verranno messi in opera sei grossi cantieri con una spesa di 14 miliardi di vecchie lire, trasformando così in un museo vivente una città fantasma nella quale hanno lavorato innumerevoli generazioni di minatori con le loro famiglie e dove non mancava nulla, arrivando persino a battere moneta.

Mette conto ricordare che il lavoro consisteva nell'estrazione di piombo, rame ed argento, sin da epoche remote. l'antica Roma addirittura si riforniva massicciamente nella miniera sarda, che ha terminato di essere operativa nel 1993.
Questa operazione di recupero storica, turistica e culturale, offrirà chiaramente lavoro a chi non si rassegna a fare le valigie per andare altrove. Ovviamente, visitare Montevecchio a cavallo con la guida esperta di Elio Dessì avrà un fascino particolare, tanto più che il passo è breve per godere, sempre in sella, il turismo ambientale. Le due realtà sono infatti complementari perchè la grandissima estensione della zona mineraria travalicava con la sua attività la sia pur enorme struttura centrale, salvaguardando, fra l'altro, con accurata sorveglianza, il patrimonio di flora e fauna. Infatti, ancor oggi, in quelle grandi estensioni di macchia mediterranea vive il cervo autoctono, caso unico, in quanto nato, cresciuto, vissuto e riprodottosi da sempre in quelle stesse zone.

Non per nulla, l'estensione mineraria che abbracciava un vastissimo territorio ha fatto da barriera protettiva all'invasione del cemento: parlano chiaro cinquanta km di costa, un deserto di sabbia abbracciato dal mare, con suggestive dune alte fino a trenta metri. A questo punto, il visitatore, preferibilmente a cavallo, non sa più se si trovi in Italia oppure ai Caraibi….per giungervi basta un'ora di volo e non 12 ore di aereo.
Personaggi illustri del cinematografo (qui sono state girate alcune scene del film "Black stallion") della moda, del giornalismo, della cultura, dello sport e della politica, trascorrono in ogni periodo dell'anno ore indimenticabili.
Come già riferito dalla stampa regionale e nazionale anche il ministro di Grazie e Giustizia Roberto Castelli ha percorso a cavallo per lunghi tratti queste zone, guidato ed accompagnato dall'amico sardo Elio Dessì.

Riconosciamo allora che nonostante l'avanzata massiccia del progresso tecnologico, l'uomo, avverte ancora prepotente il bisogno di tornare alle sue radici.

ENGEA


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti