1° WEBINARTutte le tue domande al Veterinario + 2 ore di formazione e utili consigli per la gestione quotidiana del cavallo.
30 Marzo, ore 18 ISCRIVITI SUBITO
22 Aprile 2024

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

I Campionati Italiani di attacchi 2010 a Merano

Siamo a Bolzano con Roland Morat, anni 42, Direttore della Coop di Bolzano, Presidente del Comitato provinciale Trentino FISE da 4 anni, e Delegato ad interim FISE dell’ Alto Adige da 2 anni.
Ha iniziato a praticare il salto ad ostacoli, è Giudice Nazionale di Dressage e di Attacchi..
Con lui parliamo del prossimo importante appuntamento previsto per l’8, 9 e il 10 Ottobre a Merano, i Campionati Italiani Attacchi 2010.
Ci presenta l’articolato programma delle giornate e  questo Campionato si rivela come un evento ampio, articolato, ricco di importanti iniziative ….

La scelta di organizzare i Campionati Italiani 2010 a Merano, all’Ippodromo Maia, che lo scorso anno aveva ospitato l’Haflinger Eurochampionat è seguita alla proposta avanzata dal Comitato Regionale Trentino e dalla Delegazione dell’Alto Adige di farsi carico dell’evento, anche economicamente, ed alla possibilità di gestirlo in collaborazione con l’Associazione Provinciale Allevatori Haflinger, che contestualmente organizza la Rassegna dei Puledri maschi di Razza Haflinger  che a 30 mesi vengono inseriti nel Registro Stalloni di Razza.– precisa Roland Morat.
Aggiunge che sicuramente la dislocazione è penalizzante per i concorrenti di alcune Regioni italiane, ma, in realtà non  erano state avanzate altre proposte in sede di Consulta FISE. Inoltre a Merano era già in programma il Campionato Attacchi Tirolese, e la concomitanza di ben 3 grossi appuntamenti (Rassegna Haflinger, Campionato Tirolese e Campionato Italiano Attacchi)  è un fatto che fa ben sperare per una buona riuscita dell’evento, in grado di attirare non solo gli appassionati di settore, ma anche un numero ampio di pubblico, il che favorisce anche la ricerca di sponsor nella quale la Delegazione è impegnata.


Gli chiediamo se pensa che, ed in che modo, la manifestazione dello scorso anno qui a Merano
(l’Eurochampionat, gestito dall’Associazione Europea Allevatori di Razza Haflinger) abbia aiutato questa impresa. Roland ci risponde che l’anno scorso sono stati costruiti ed anche sperimentati in gara gli ostacoli fissi e questo è sicuramente un grosso vantaggio, sono ancora tutti utilizzabili, ne verrà costruito uno solo nuovo. Le prove di Dressage e Coni probabilmente si svolgeranno sul campo ippico.
Ci interessa capire il ruolo dell’Ippodromo di Merano, famoso in tutta Italia come appuntamento classico delle corse, nella organizzazione.
A dire il vero l’Ippodromo subisce queste iniziative- sostiene Morat- e le vive come corollari alle corse , ma non ha un ruolo protagonista, anche se con l’Associazione Haflinger Provinciale ha ormai tradizionali appuntamenti per i quali mette a disposizione la struttura e si è anche dichiarato disponibile con la FISE per Completi montati di completo, in periodi in cui non si svolgono corse. Infatti, la seconda di Ottobre è una Domenica di pausa per le corse e ben si presta a collocarvi i Campionati Italiani e Tirolesi di Attacchi, insieme alla Rassegne dei Puledri maschi di Razza Haflinger e alle Corse Rusticane di Galoppo in Piano.


L’organizzazione del Campionato- precisa Roland Morat- è a carico della Delegazione, mentre la logistica, i box, la ristorazione viene gestita dall’Associazione Allevatori.  La Delegazione è autonoma anche nella nomina dei Giudici e del Costruttore di Percorso che sarà il TEAM TIROL, che già lo scorso anno aveva costruito fisicamente gli ostacoli. I due Giudici stranieri saranno Rainer Vannenvec e Josef Franz Vetter, poi avremo un giudice Austriaco perchè la gara è anche valida per il Campionato Tirolese di cavalli e Pony, che viene organizzato alternativamente in Sud o Nord Tirolo ed infine  due giudici Italiani
Questo significa che verranno concorrenti austriaci e probabilmente anche bavaresi .
Gli chiediamo se il fatto che il Campionato si svolga presso l’ippodromo di Merano, dentro la città e all’interno di una struttura tanto famosa per l’equitazione può essere un modo di promuovere questa disciplina.
L’ articolazione delle giornate e la dislocazione favoriranno – ci conferma – la presenza di molti spettatori  anche attirati dall’Associazione Haflinger con l’importante Rassegna annuale, poi ci saranno molte Associazioni e privati appassionati o coinvolti a vario titolo nelle discipline equestri.
Altrettanto importante sarà la presenza dei Carri da Lavoro con un Campionato apposito, con TPR e forse Norici e la presenza della Scuola di Agricoltura di Agraria “ Duca degli Abruzzi” che alleva TPR anche per corsi di Attacchi agli studenti. Poi ci illustra il Trofeo Juniores, con attacchi provenienti dal Veneto e dall’Austria.


Ci interessa il suo parere sulla situazione degli attacchi nella Regione.
La figura di rilievo- sostiene- è Johann Weitlaner, fa lezioni, è istruttore, è un campione, ma il suo lavoro gli impedisce di portare avanti una vera e propria scuola di Attacchi. Attorno a lui un buon gruppo di Driver, ma i ragazzini sono solamente uno o due e non fanno ancora gare, anche se la presenza di molti Haflinger potrebbe essere un incentivo alla pratica della disciplina degli Attacchi. Per incentivare la Partecipazione ci sono esibizioni e garette sociali.
In zona ci sono attacchi da Lavoro specialmente con Norici e qualcuno fa anche servizio con le slitte per i turisti.
Ci conferma che la richiesta di brevetti per Attacchi si aggira su una media di circa 25 brevetti all’anno, ma il problema vero è che  queste patenti vengono richieste per portare i turisti, pochissimi invece si dedicano all’agonismo.
Avendo qui a Merano i Campionati molta gente si è decisa a fare il brevetto o rinnovare la Patente Attacchi per il Tiro Sportivo, è un elemento importante per attirare gente . Poi il tempo a Merano, in autunno è sempre molto bello.
Gli chiediamo il suo parere sulle prospettive per gli Attacchi in Italia dopo l’esperienza di Roma?
Roland Morat, presente ai Campionati come giudice agli ostacoli, sostiene che la politica italiana rispetto all’equitazione soffre di un problema storico che è quello di essere spesso improvvisata. Apprezza l’impostazione tedesca che  è completamente diversa e i risultati si sono visti a Roma.
 Non si tratta di doti personali, ma di programmi rigorosi, di lavoro costante e faticoso perchè nell’equitazione le cose improvvisate non pagano, paga l’impegno, la costanza. Gli italiani, spesso, appena vedono un successo pensano di essere arrivati o pensano di trovare scorciatoie che non richiedano la fatica quitidiana del lavoro con il cavallo.
Per esempio il Delegato della Germania per gli attacchi basa tutto sul programma, graduale rigoroso con obiettivi chiari e i risultati vengono.A dimostrazione di quanto dice cita il risultato di Cividini è frutto- a suo parere- di lavoro personale quotidiano, costante e coerente, non è improvvisazione. Aggunge che  non si può dire lo stesso della squadra italiana ai Mondiali…la squadra italiana per presentarsi come tale ha bisogno di idee, programmi di lungo periodo, di lavoro e di costanza.

G.I.A. – Gruppo Italiano Attacchi
www.gruppoitalianoattacchi.it


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Segui il Portale sui nostri social

Segui anche su

Altri argomenti