1° WEBINARTutte le tue domande al Veterinario + 2 ore di formazione e utili consigli per la gestione quotidiana del cavallo.
30 Marzo, ore 18 ISCRIVITI SUBITO
12 Aprile 2024

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

I protagonisti silenziosi

Di Elvezia Ferrari
Da "Speciale Inserto Sport" – Carrozze&Cavalli 1 /2011

I vincitori delle medaglie al Campionato del Mondo di Singoli sono ormai tornati a casa e pensano già alla prossima edizione, mentre ripongono equipaggiamento, carrozze, ricordi, magari rimpianti,

sicuramente progetti, osservando pensosi da un angolo della scuderia i preziosi artefici del loro successo che finalmente assaporano la biada di casa, tra le quattro pareti familiari.

 

Dei cavalli si sono occupati in pochi: non rilasciano interviste, non si fanno riprendere mentre esultano o piangono, non danno adito a pettegolezzi e quindi “non fanno notizia”. E dire invece che ognuno avrebbe una storia personale, un interessante iter formativo, qualche aneddoto curioso da raccontare. Eppure, senza dichiarazioni eclatanti, offrono la possibilità di fare riflessioni importanti soprattutto per chi ha intrapreso la strada dell’agonismo.

 

Primo fatto importante: nessuna razza è sicura di prevalere. Troviamo infatti al primo posto un

Holsteiner tedesco, al secondo un Silesian polacco e al terzo un Kisber ungherese. Ma se scorriamo le classifiche a scendere troviamo che: a vincere la maratona è stato un Franches Montagnes; quasi tutte le razze sono rappresentate – e quindi si sono qualificate con buoni punteggi -, dai soggetti appartenenti a tutti gli Stud Book tedeschi, compresi quelli meno conosciuti come i Renani o i Sassoni, ai Lipizzani, dagli Andalusi ai Lusitani, dagliHackney ai Moritzburger, daiKWPN ai cavalli da sella registrati nei vari paesi analogamente a quanto avviene in Italia con l’ENCI, ma anche a un Arabo/Boulonnais, un Morgan, due Connemara/PSI.

 

Oggi, comunque, l’onore della ribalta se lo sono meritato i cavalli che hanno accompagnato i loro guidatori in zona medaglie. Conosciamoli più da vicino.

 

 

Sunrise 106

 

Guidata da Thorsten Zarembowicz alla conquista della medaglia d’oro. Femmina Holsteiner tedesca di 8 anni, figlia diLakai e di Coriander, di proprietà di Andrea Harm, istruttrice di attacchi e trainer, madre della concorrente tedescaMareike, facente parte della squadra con la cavalla di razzaHessen Do Marina.

 

La cavalla è stata acquistata nel 2007 all’asta di cavalli da sella Holsteiner a Elmshorn perché

mostrava un passo superiore alla media e colpiva per il bel gesto al trotto; inoltre si accompagnava

bene, sia come mantello che come altezza, a Do Marina.

 

Anche Sunrise ha proseguito il suo addestramento sotto la sella di Mareike che l’ha anche presentata in concorsi di dressage montato e salto ostacoli per giovani cavalli, per poi incontrare all’inizio qualche difficoltà nell’abituarla agli attacchi perché si spaventava facilmente.

 

All’inizio del 2009 ha partecipato per la prima volta a un concorso di attacchi come timoniere in un tiro a quattro e nel maggio dello stesso anno ha seguito con Mareike un corso di 4 settimane da Michael Freund per l’addestramento nel tiro a quattro. In quel periodo, Thorsten Zarembowicz, da 11 anni dipendente di Freund, aveva perso il cavallo del suo sponsor e gli è stato messo a disposizione Sunrise fino al Campionato del Mondo 2010. I due hanno trovato subito un’intesa

quasi perfetta e nel 2010 hanno vinto insieme i CAI di Neewiller e di Dillenburg.

 

Mareike Harm, 24 anni, studentessa in agraria, conduce con la madre un centro ippico e allevamento di cavalli per la vendita. Ha ripreso l’attività a fine aprile di quest’anno dopo un anno

di interruzione a seguito del grave incidente occorsole nel 2009 al CAI di Altenfelden.

 

 

Lokan

 

Stallone polacco di razza Silesian di 9 anni, di proprietà del deposito di Ksiaz e guidato da Bartlomiej Kwiatek. Lokan ha iniziato la sua carriera come cavallo da attacco nel 2006 ma viene impiegato regolarmente anche per le monte. Il suo attuale guidatore, il 28enne Bartlomiej Kwiatek, agonista dal 2000 e professionista dal 2006 quando è entrato alle dipendenze del deposito di Ksiaz, lo ha preso in carico fin dall’inizio della sua carriera.

 

I Silesian rappresentano la razza più pesante dei cavalli a sangue caldo polacchi che è stata creata incrociando fattrici a sangue caldo della Slesia con stalloni Oldenburg e Frisoni dell’Est (tedeschi) e con successivo inserimento di purosangue inglese per lo sviluppo di soggetti più leggeri, adatti soprattutto allo sport degli attacchi.

 

Lokan ha alle spalle numerosi successi e lo stesso vale anche per Branka e Intencia nelle pariglie conKozlowski, Bogacz edEryk nei singoli, e persino per Grumus, facente parte del tiro a quattro dell’americanoChester Weber, grazie ai quali la razza si è aggiudicata laFEI Top Drivers Award (una sorta di Computer List FEI) nel 2007, 2008, 2009 e sicuramente anche nel 2010, oltre ad aver riportato ogni anno, dal 2005 a oggi, almeno una medaglia nel Campionato Nazionale Polacco.

 

L’allevamento polacco punta molto su questa razza e Bartlomiej stesso ha attualmente in lavoro 7 stalloni Silesian dai 5 ai 10 anni.

 

Tangò

 

Castrone ungherese di 8 anni, di razza Kisberi, di proprietà del suo guidatore,Cristiano Cividini.

Un cavallo che è la dimostrazione di come un soggetto senza una genealogia eclatante possa imporsi grazie a un lavoro costante e mirato, molto rispettoso del cavallo, delle sue esigenze, del suo carattere e adattando via via le richieste alle sue capacità.

 

Cristiano Cividini, per tutti Titi, lo ha acquistato ancora sdomo in Ungheria, patria della razza Kisber, iniziando da puledro a fargli conoscere il mondo che lo circondava ed introducendolo con molta cautela prima alla sella, poi alla carrozza. Cristiano ha saputo sicuramente interpretarlo al meglio, cercando di evitare soprattutto situazioni di stress, curandone molto la preparazione atletica, anche a sella per almeno 3 giorni alla settimana, ma senza forzature, ricompensando ogni risposta giusta con un alleggerimento del lavoro (niente carote e zuccherini, ci confida Titi), sempre con l’intento di esaltarne le doti senza bruciarle.

 

Il miglioramento risulta forse più lento, ma c’è maggior garanzia di continuità, regolarità delle andature, rilassamento del dorso e non c’è vittoria più grande che poter lavorare con un cavallo sereno, disponibile, con un suo carattere, sì, ma degno di essere capito e rispettato. La prova della sensibilità espressa dal suo proprietario nell’addestramento è data dalla vittoria, nel primo anno di agonismo a livello internazionale, al CAI di Fabiansebestyen (Ungheria) di quest’anno e a numerosi altri piazzamenti d’onore.

 

Data la giovane età del cavallo, sicuramente le soddisfazioni non si fermeranno qui!

 

 

Lukas XIV CH

 

Cavallo di razza Franches Montagnes, guidato da Lucy Musy, la 25enne svizzera che ha vinto la maratona davanti a nomi affermati e superfavoriti. Una storia incredibile, la sua.

 

L’allevatore aveva deciso di abbattere Lukas perché soffriva del ticchio d’appoggio e il suo futuro suocero l’aveva acquistato per usarlo semplicemente come compagno di passeggiate e rally in campagna.

 

Lucy, “figlia d’arte” e allenata dal papà che lavora per l’Haras nazionale svizzero di Avenches, dopo

alcuni anni di concorsi, era rimasta senza cavallo e cinque anni fa aveva ricevuto in prestito Lukas.

Da allora il cavallo si è dimostrato incredibile: ha vinto praticamente tutte le maratone a cui ha partecipato e non ha ancora perso l’entusiasmo del primo giorno!

 

Più difficile l’iter nel dressage, dove ha dovuto prima aver ragione del suo innato nervosismo, per poi ottenere risultati di tutto riguardo: campione svizzero nel 2009 e 2°all’internazionale di Neewiller, 1° a Saumur quest’anno e 4° a Conty.

 

Sposatasi un mese prima del campionatodel mondo ai Pratoni con Régis, che le fa da groom, Lucy ha ricevuto come regalo di nozze dai suoceri… proprio Lukas!

 

Cavallo sensibile, testardo, che necessita di un lavoro molto vario ma con un cuore generosissimo: sposterebbe le montagne, anche se rimane sempre un po’ monello, alla ricerca di fare delle stupidaggini e di mettere alla prova i limiti della sua guidatrice. Questo però crea tra Lukas e Lucy una meravigliosa complicità.

 

 

SG Oberon

 

Una menzione speciale merita il cavallo della finlandese Arja Mikkonen, l’unico ad aver partecipato a tutte le edizioni dei campionati del mondo a partire dalla loro istituzione nel 1998, anno in cui vinse la medaglia d’oro.

 

Questo a riprova che a 20 anni si possono ancora fornire prestazioni di tutto rilievo e che il lavoro, se ben calibrato, non può essere stressante e duro per il cavallo, come alcuni animalisti, a torto, vorrebbero farci credere.

 

 

In conclusione

 

Uno spettro molto ampio di cavalli, di attrezzature, di iter formativo e di background personale grazie al quale vengono garantite a chiunque uguali possibilità di imporsi, purché la voglia di vincere sia tale da indurre tenacemente a perseguire il successo con applicazione e lavoro costante, senza bruciare le tappe ma con la consapevolezza di poterci riuscire!

 

Articolo estratto dal n°1/2011 di Carrozze&Cavalli, la rivista per tutti gli appassionati di redini lunghe!

Negli articoli e nelle rubriche di Carrozze&Cavalli troverete spunti e risposte interessanti su storia, cultura, tradizione, agonismo e tempo libero.

 

ABBONATI SUBITO!

Articolo estratto da "Carrozze&Cavalli! 1/2011


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Segui il Portale sui nostri social

Segui anche su

Altri argomenti