24 Settembre 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

Attitudine riproduttiva IAR 2017: l’indicatore che intende stimare le capacità riproduttive delle fattrici

Ecco spiegate le modalità di calcolo e gli obbiettivi del IAR che vuole di fornire agli allevatori indicazioni circa le cavalle con miglior attitudine alla riproduzione

COS’È LO IAR  

L'indice di di attitudine riproduttiva (IAR) è una stima del potenziale/capacità genetica della fattrice in termini riproduttivi. Il dato considerato è quello dei puledri nati in carriera fino al 6° evento riproduttivo.

COME SI CALCOLA  

Il calcolo/analisi viene effettuato su tutte le fattrici di Libro che abbiano raggiunto almeno il 3° anno di attività riproduttiva. Nel calcolo vengono considerati un insieme di fattori ambientali (allevamento/anno) ed età al primo evento riproduttivo) nonché le prestazioni riproduttive delle parenti della fattrice.

QUINDI:  

– Nel 2017 sono pubblicati i dati delle fattrici della generazione 2010 e anni precedenti;  
– In pubblicazione vi sono anche alcune fattrici del 2011. Si tratta delle fattrici che hanno partorito a 3 anni o comunque di cui si ha informazione di fecondazione a 2 anni.   
– sono escluse dalla pubblicazione le fattrici che abbiano due anni o più per cui non si hanno informazioni riproduttive.
– sono escluse anche le fattrici che non sono state portate alla fecondazione per volontà dell'allevatore (registrazione di LG NC: non coperta)
– Il calcolo avviene come per un indice genetico tenendo conto del risultato riproduttivo non solo della fattrice in sè ma anche delle sue parenti. Quindi è possibile che due fattrici con lo stesso numero di anni di carriera e con lo stesso numero di puledri prodotti abbiano due IAR diversi. Ciò significa che le parenti della fattrice possono aver avuto buone/cattive prestazioni.

ATTENZIONE: per le fattrici più anziane con oltre 6 anni di carriera riproduttiva, ENTRANO NEL CALCOLO DELLO IAR I LORO PRIMI 6 ANNI DI CARRIERA RIPRODUTTIVA. Si tratta di una scelta per rendere più omogeneo il calcolo dell’indice IAR su tutte le fattrici viventi, considerato che oltre il sesto evento riproduttivo la carriera riproduttiva di una fattrice non subisce grandi cambiamenti rispetto a quanto successo in precedenza. Inoltre, un’ulteriore prolungamento dei tempi di valutazione degli animali sarebbe negativo per il ricambio generazionale ed il progresso genetico.

 
IL DATO DI IAR VA DA UN MINIMO DI 0 AD UN MASSIMO DI 1


COME SI LEGGE LA TABELLA

I lettori trovano:
– I dati anagrafici e un riassunto della genealogia per ogni fattrice;
– il numero di anni di carriera riproduttiva controllati dal LG;
– il numero di puledri partoriti;
– l'indice IAR con la sua attendibilità. L’attendibilità è di media più alta per le fattrici con 6 anni o più di carriera controllata rispetto a quella delle giovani fattrici con 3 anni di carriera. Ciò significa che il dato delle fattrici con maggior numero di anni di carriera è più preciso e che il dato delle giovani fattrici è una previsione da confermare negli anni successivi.
– l'indice VSC 2017 e l'attendibilità: la CTC ha ritenuto di pubblicare anche il VSC assieme allo IAR perché gli allevatori possano avere un’idea chiara dell’insieme delle caratteristiche della fattrice sia come capacità riproduttiva, sia come qualità genetica. La fattrice più desiderabile è quela che ha un buon VSC ma che è anche capace di produrre molti puledri.
In ogni caso si consiglia vivamente di leggere la relazione illustrativa sullo IAR che trovate di seguito.

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL’INDICE DI ATTITUDINE RIPRODUTTIVA DELLE FATTRICI IAR
La Commissione Tecnica Centrale (CTC) del LG il 15 luglio 2014 ha approvato la realizzazione di un nuovo Indice attinente la capacità riproduttiva delle fattrici. Questo indicatore è il frutto di due anni di approfondimenti sui dati e sulle informazioni degli archivi del Libro Genealogico. In realtà, “l’avvicinamento tecnico” a questo nuovo strumento è iniziato già da qualche anno con delle ricerche sulla produttività di puledri, sulla fertilità e sulla longevità delle fattrici CAITPR. La decisione della CTC arriva, quindi in realtà, a chiudere una fase di ricerche abbastanza lunga.

CHE COS’E’ L’INDICE DI ATTITUDINE RIPRODUTTIVA
Ma che cos’è questo nuovo Indice? Innanzitutto il nome che la CTC ha deciso è: indice di attitudine.
RIPRODUTTIVA in sigla, IAR. Si tratta di un indicatore genetico che esprime la quantità di puledri nati per anno di carriera riproduttiva. In pratica, l’Indice esprime, rispetto al numero di puledri prodotti da una determinata fattrice per anno di vita riproduttiva fino al sesto evento di carriera, la capacità dell’animale di trasmettere geneticamente questa caratteristica alla sua discendenza. Ovviamente, trattandosi di un valore genetico, sarà accompagnato da un indicatore di attendibilità del valore genetico stimato.

Così espresso l’IAR sembra un calcolo del tutto banale. In realtà il dato che viene fornito tiene conto dell’ambiente di nascita della fattrice, del fatto se la fattrice ha partorito la prima volta a 3 anni oppure a 4 anni (differenza non secondaria e che traduce anche il tipo di ambiente, o meglio, l’organizzazione dell’azienda circa l’allevamento delle puledre da rimonta) e dei risultati della famiglia della fattrice in termini di attitudine riproduttiva. Insomma, un vero e proprio nuovo indice genetico.

Altre particolarità:
– Non vengono considerati validi e, quindi, non vengono pubblicati, i dati delle femmine che abbiano più di un anno di mancato rilevamento delle informazioni riproduttive. Nel Libro Genealogico capita, talvolta, che una fattrice cambi proprietà o che per altri casi, non si abbiano informazioni per qualche tempo circa la sua attività riproduttiva. Si è considerato che il dato di riproduzione non fosse credibile in questo caso e le informazioni della fattrice non vengono né elaborate né tanto meno pubblicate.
-Non sono considerate nelle elaborazioni le femmine che non sono avviate alla riproduzione, o che sono avviate alla riproduzione saltuariamente, per scelta del proprietario. Nella realtà del CAITPR è un fatto ancora limitato ma che si sta diffondendo tra quei proprietari che allevano le loro femmine per gli attacchi
o per il lavoro, settore che si sta progressivamente espandendo.

I dati che vengono pubblicati sono perciò quelli delle fattrici che hanno raggiunto almeno il terzo ciclo di attività in riproduzione, quindi 6 o 7 anni di età, considerando, però, se il primo parto è avvenuto a 3 o 4 anni. Questa scelta è necessaria per avere una “base statistica” abbastanza solida su cui si fondano i dati da pubblicare.

In sostanza per ogni fattrice, man mano che viene raggiunto il 3° anno di età riproduttiva, viene pubblicata l’informazione della stima del suo IAR. Il dato è espresso in forma di percentuale (0,50, 0,78 ecc…) e va da un minimo teorico di 0 ad un massimo di 1. Se una fattrice ha IAR 0,75 significa che il suo potenziale riproduttivo genetico trasmissibile è pari a tre quarti di puledro per ogni anno di carriera come madre.

Il massimo è pari a 1,00; ciò sta ad indicare una fattrice che ha un potenziale genetico trasmissibile di riproduzione pari ad un puledro per anno di carriera, dato eccellente ma difficile da raggiungere come ben sanno gli allevatori. Il rilevo sulla produttività ha termine al sesto ciclo riproduttivo, in altre parole verso i 9
o 10 anni di età, momento finale cui interessa conoscere il valore di IAR.

Oltre questo livello una fattrice non migliora più il suo valore di IAR, che potrà magari scendere un po’ ma no per carenze riproduttive, ma per effetto del trend di miglioramento genetico in razza.

OBBIETTIVI
Perché l’introduzione di questo nuovo Indice?

Tutti gli allevatori hanno ben presenti due aspetti:
– L’importanza economica di avere ogni anno il massimo numero di puledri;
– L’importanza di avere fattrici “facili” da gestire sotto il profilo della riproduzione.

Circa il primo aspetto, è quasi troppo banale dire che gli allevatori cercano di far nascere tutti gli anni quanti più puledri possibile perché questa è la base fondamentale economica dell’allevamento anche senza considerare la qualità dei puledri stessi o la loro destinazione (rimonta, lavoro, ingrasso ecc..). L’ideale è avere un puledro per anno da ogni fattrice in allevamento. Obiettivo teorico, come sappiamo tutti. Il fatto, poi, di avere fattrici “facili” da gestire nella riproduzione è una garanzia ed un presupposto di minori costi.

Tutti gli allevatori sanno perfettamente che una fattrice bisognosa di cure, interventi veterinari o, comunque, anche bisognosa solo di un numero di fecondazioni o di salti maggiore per rimanere gravida, ha costi di gestione più elevati. Infine, ma non certo meno importante, va considerato che avere fattrici valide dal punto di vista riproduttivo comporta minori incidenza sul bilancio dei costi di rimonta almeno indirettamente.

Infatti, se in un branco di 10 fattrici si hanno 9 puledri all’anno, considerata la vita media di una fattrice CAITPR in riproduzione pari a 11-12 anni, vorrà dire che ogni anno va conservata per la rimonta una puledra solamente e che gli altri 8 puledri possono essere venduti. Se invece il tasso di puledri è di 5 o 6, ne rimangono da vendere solo 4 o 5. Ciò vuol dire anche che si può scegliere meglio tra le puledre quella migliore da trattenere come futura fattrice. Insomma, un doppio effetto: maggior quantità di soggetti vendibili e maggiori probabilità di scegliere migliori puledre per il futuro.

Questo nuovo Indice è perciò anche un:

-INDICATORE ECONOMICO di prima importanza nella gestione dell’allevamento. Un supporto tecnico ed economico in più per l’allevatore CAITPR che va ad affiancarsi all’Indice Genetico entrato nell’uso comune degli allevatori, in specie di quelli con obbiettivi di selezione più avanzati, da oltre 15 anni.
– L’Indice IAR è anche in qualche misura un INDICATORE DI FITNESS AMBIENTALE, vale a dire un modo per evidenziare le fattrici che meglio si adattano ai metodi di gestione dell’allevamento.

In sostanza, gli allevatori da quest’anno possono contare su due informazioni tecniche fondamentali:

– L’informazione sul potenziale genetico che ci traduce LA QUALITA’ di una fattrice;
– L’informazione sul potenziale genetico per le prestazioni riproduttive che ci traduce, invece, LA QUANTITA’ di produzione di una fattrice.

Naturalmente, gli allevatori non avevano bisogno di conoscere queste informazioni delle loro cavalle perché, sicuramente, hanno già idee molto chiare circa loro prestazioni riproduttive. Ma ora tutti potranno conoscere la stima dell’attitudine come fattrici di tutte le cavalle del Libro Genealogico. E’ vero che i dati verranno pubblicati solo per quelle femmine che raggiungono il 3 anno di attività come madri; ma il dato che viene fornito deriva, come abbiamo detto, anche dalle prestazioni rilevate sulla famiglia ed ha una discreta ereditabilità.

Quindi, gli allevatori potranno sapere se una giovane cavalla o una puledra ha una madre con valide prestazioni oppure no; così potranno basare le loro scelte anche su questa informazione. Un nuovo dato che, come tutti gli allevatori sanno bene, è importante quando si sceglie una puledra da rimonta. Un’interessante valorizzazione tecnica delle linee femminili. Un’esigenza sentita in tutti i Libri Genealogici.

COME VENGONO PUBBLICATI I DATI?
Come al solito si tratta di tabelle e di numeri. Un’esposizione un po’ arida ma inevitabile.

Più in dettaglio:
– Si è già detto che per ogni fattrice che ha raggiunto il 3° anno riproduttivo (6-7 anni di età) sarà pubblicato un numero che va da 0 a 1. Tanto più questo numero sarà vicino ad 1 e tanto migliori saranno le potenziali prestazioni riproduttive geneticamente trasmissibili della fattrice.
– Vi è poi una percentuale a fianco che ci dice invece quanto la stima è ben fondata statisticamente. Per le fattrici al 3° anno sarà più bassa, mentre per quelle che hanno raggiunto già i 6 anni o più di carriera sarà al massimo perché la fattrice è una femmina “provata” su molti anni di carriera. Questa informazione funziona perciò un po’ come l’attendibilità dell’indice genetico.
– Le tabelle saranno suddivise per generazione di nascita o per fascia di età: giovani fattrici, fattrici mature e fattrici anziane. Così ogni allevatore potrà confrontare, all’interno di queste grandi categorie, quali sono le femmine con le migliori prestazioni.
– Ma la CTC ha voluto fare un passo in più. Infatti, accanto all’IAR sarà riportato anche il VSC (Indice genetico) della fattrice. In questo modo gli allevatori potranno avere “sotto occhio” direttamente sia la stima delle capacità della fattrice come “produttrice di puledri” che la stima del suo valore genetico qualitativo.

Insomma, gli allevatori potranno avere chiara l’idea (e in maniera immediata) se si tratta di una buona fattrice ma con produzioni di bassa qualità, oppure, magari, di una cavalla dal grande potenziale genetico per VSC ma più modesto per la riproduzione (poca capacità di trasmettere il fattore puledri prodotti per anno). L’ideale, ovviamente, sarebbe avere fattrici geneticamente molto qualitative e anche in grado di dare grande quantità di produzione. Un modo nuovo e più completo di leggere le caratteristiche della cavalle. Infatti, mentre per uno stallone quello che in effetti conta di più è il potenziale genetico (quantità di produzione) una femmina veramente valida deve saper produrre QUALITA’ e QUANTITA’.

ASPETTI CONCLUSIVI
Per concludere vale la pena di sottolineare che, come tutte le cose nuove, anche l’IAR potrà essere migliorato ed affinato nel tempo. Siamo infatti solo al secondo anno di pubblicazione e questo nuovo strumento richiederà qualche anno per consolidarsi. Però si ritiene che con lo IAR il LG del CAITPR faccia un ulteriore passo avanti tecnico nel suo ruolo di supporto al lavoro degli allevatori mettendo a loro disposizione informazioni genetiche ed anche, ora, informazioni genetiche utili all’aspetto gestionale dell’allevamento.

Un modo per far sì che ogni allevatore di CAITPR possa fare le sue scelte basandosi su un insieme più ampio e completo di informazioni. Per la razza nel suo insieme, poi, il fatto di valorizzare le cavalle con le migliori prestazioni ha il significato di dare risalto a quelle cavalle in grado di trasmettere geneticamente la capacità di produrre un elevato numero di puledri; una forma indiretta di tutela della biodiversità, tema sempre presente e da monitorare con attenzione in una razza di limitate dimensioni numeriche.

In allegato qui di seguito vi forniamo il file in formato PDF con la tabella per il calcolo dello IAR.

Ufficio Stampa Anacaitpr


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti