20 Maggio 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

Lui non può vedere il colore di un fiore. Regaliamogli il profumo del Fieno

Roberto ha 7 anni e non ha mai potuto vedere le magiche lucine di Natale. Tutte le attività normali per un bimbo della sua età gli sono precluse tranne… l´Equitazione Integrata. Aiutiamolo.

L’aria gelida profuma già di ghiaccio e molte lucine appese come per magia in un cielo nero riflettono nel buio della notte l’alone morbido di un chiarore sfumato.

 

Guardando su, con la punta del naso gelida e il fiato bianco come cotone, sentiamo qualcosa rapprendersi nello stomaco. Non è facile capire se sia l’intima emozione di un Natale che ritorna o un velo di nostalgia per quelli che non torneranno più.

 

Conosciamo a memoria quel profumo di cannella e spezie, quelle note morbide e stilizzate che vibrano sulle corde delle nostre emozioni… ricordandoci che ogni anno fermiamo alla stessa stazione: talvolta la aspettiamo, altre volte invece ci coglie di sorpresa, ma in un modo o nell’altro ci ritroviamo quasi sempre impreparati di fronte a quello che Charles Dickens avrebbe definito “il Fantasma del Natale presente”… tanto gioviale ed allegro, quanto schietto nella sua capacità di metterci di fronte a noi stessi.

 

Di fronte a noi stessi… come quando, nella penombra irrigidita dall’umidità invernale, ci intrufoliamo nel box del nostro compagno ed infiliamo la nostra mano sotto la sua coperta. Accarezziamo il suo collo e lasciamo scorrere il palmo aperto verso la spalla, facendoci strada sotto il piumino invernale riconoscendo ancora una volta quella rassicurante sensazione tattile, quel morbido velluto tiepido di vita, quel tappeto liscio ed asciutto che profuma di natura, di casa, di pulito.

 

In quel momento infatti ci rendiamo conto che la presenza di questa grande creatura fortemente imperfetta ma talvolta lievemente ultraterrena, che vive, sbuffa, ansima, ondeggia al nostro fianco, ci regala ogni giorno un pizzico di antidolorifico per affrontare i piccoli e grandi mali che ci procura il nostro mondo così umano.

 

 Molti e molti secoli addietro, in epoche remote, lo studioso greco destinato a divenire il simbolo dell’arte medica, Ippocrate di Cos, già intuì i poteri terapeutici del cavallo, prescrivendo una forma arcaica di ippoterapia come cura contro l’insonnia oppure come trattamento per i mutilati reduci di guerra.

 

Nessuno di noi, spiriti prigionieri della libertà equestre, si può stupire della conclamazione odierna della Riabilitazione Equestre come strumento di reinserimento sociale, di terapia fisica oppure cognitivo-comportamentale.

 

Naturalmente, vivendo in questa società di placebo illusori e di falsi oracoli, sarà sempre importante tenere presente che non esistono purtroppo terapie magiche capaci di compiere prodigi o misteriose fattuccherie.

 

Tuttavia possiamo sorridere di fronte alla certezza che, al di fuori di qualsiasi clinica ma con il supporto ed il conforto della medicina,  esiste un piccolo e morbido miracolo che si attua quando una persona in difficoltà poggia il suo fardello sulla groppa solida e tiepida di un cavallo, sgravandosene almeno in parte.

 

Non sembra poter essere diversamente se ci pensiamo mentre la nostra mano poggia ancora su quel manto caldo, e mentre osserviamo il costato allargarsi lento in un respiro che restituisce anche a noi il fiato che troppe volte ci viene a mancare. Il respiro della vita ci ricorda di essere al mondo e ci restituisce le coordinate di noi stessi.

 

 Rieducazione Equestre, Ippoterapia ed Equitazione sportiva per persone diversamente abili sono facce diverse di una stessa medaglia e si tratta di attività preziose per affrontare disabilità fisiche oppure psicopatologie legate al mondo dell’infanzia, dell’adolescenza oppure dell’età adulta.

 

(per saperne di più sulle terapie riabilitative per mezzo del cavallo: Ippoterapia e Riabilitazione Equestre su Horseason.com )

 

Il loro successo è fondato principalmente sul rapporto dialettico che si instaura tra cavallo e paziente: il linguaggio è principalmente motorio, legato a sensazioni coinvolgenti e suggestive, appaganti e rassicuranti dal punto di vista emotivo.

 

Il contatto con un animale come il cavallo, capace di toccare corde profonde nell'inconscio umano, può stimolare in modo irriproducibile l'autodeterminazione del soggetto, l'autocoscienza del sè e l'autonomia. Il senso di responsabilità e la fiducia in se stesso aiuteranno il paziente ad avvicinarsi, attraverso il contatto con l'archetipo cavallo, ad una parte ancora inesplorata del proprio io, utilizzando il linguaggio del corpo, dell'anima e dell'istinto. Questo potrà giovare sotto l’aspetto emotivo e psicologico, oltre che naturalmente sotto quello prettamente fisico che sfrutta gli effetti benefici dal punto di vista motorio ed ortopedico.

 

 Un dono che la natura ci ha regalato attraverso le fattezze di questo splendido animale…

 

Un dono… Sì… un dono…

 

Ed ancora lì, con il naso puntato verso le lucette natalizie che si illuminano nella notte e con il dickensiano “Fantasma del Natale presente” che sorride  dall’alto del nostro albero acceso e variopinto, non possiamo che fermarci e sentire una sensazione di calore e di entusiasmo nel capire che basta poco per rendere questo momento veramente significativo, veramente nostro, veramente speciale.

 

Quel calore che sentiamo ancora sulla nostra mano mentre accarezza il manto tiepido del nostro cavallo può essere regalato ad un bimbo di nome Roberto. Il piccolino, nato da un parto quadrigemellare, ha 7 anni e non ha mai potuto vedere, neppure per un attimo, le magiche lucine di Natale che illuminano gli occhi di ogni bambino. Roberto è completamente non vedente ed il suo cammino risulta costellato di difficoltà enormi, troppo grandi anche per qualsiasi adulto. Tutte le attività normali per un bimbo della sua età gli sono precluse.. tranne una…

 

Tramite l’Equitazione Integrata dei professionisti dal cuore grande di Equitabile, Roberto sta compiendo il suo percorso grazie alla Riabilitazione Equestre, aprendo finalmente una finestra sul mondo circostante e su se stesso. Con l’aiuto della sua terapista, Loredana, e del suo angelo a quattro zampe, Agadir, Roberto sta iniziando a focalizzare strutture cognitive prima impensabili e, cosa altrettanto preziosa, sta ridendo come ogni bimbo di 7 anni dovrebbe poter ridere.

 

Dove finisce la medicina ed inizia l’allegria? Confini incerti di due affluenti che non possono sfociare in nulla se non alimentandosi a vicenda.

 

Noi cosa possiamo fare? Spendere un secondo del nostro tempo per cambiare, almeno in parte, il percorso di crescita di una piccola vita.

 

Una donazione anche molto modesta permetterà alla splendida famiglia di Roberto di fargli proseguire il suo cammino nella Riabilitazione Equestre.

 

Horseason insieme ad Equitabile vuole accendere un albero di Natale talmente luminoso che quest’anno potrà essere visto anche da Roberto… e se ognuno di voi appenderà il suo decoro, sarà bellissimo e prezioso.

 

Così, nel presepe di ognuno di noi, brillerà una stella speciale.. sarà il sorriso di Roberto a cui il destino ha chiuso gli occhietti.. a cui noi apriremo il cuore.

 

 

 Info sull’iniziativa e sul metodo di donazione al seguente link:

Lui non può vedere il colore di un fiore, Regaliamogli il profumo del fieno

 

 

 Per effettuare una donazione basterà mandare un piccolo contributo:

 

– tramite bonifico bancario a:

 

 

C/C intestato a A.S.D. "Incontro a cavallo"

 

presso Banca Popolare di Sondrio – Agenzia di Villasanta

 

IBAN: IT 39 J 05696 34050 000003328X27

 

(se possibile indicate il vostro nome, indirizzo ed eventualmente cod fiscale)

 

 

– tramite Paypal(bottone apposito disponibile su www.horseason.com nella Homepage oppure alla pagina: Lui non può vedere il colore di un fiore, Regaliamogli il profumo del fieno)

 

Video su youtube relativo alla campagna: http://www.youtube.com/watch?v=Hazk2Bn9LHk

 

Causa su Facebook: E' la stella di Natale che brilla anche nel suo buio

Sara Albanese


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti