1° WEBINARTutte le tue domande al Veterinario + 2 ore di formazione e utili consigli per la gestione quotidiana del cavallo.
30 Marzo, ore 18 ISCRIVITI SUBITO
25 Aprile 2024

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

Sulla Antica Via Clodia: andare piano dentro la storia e la natura a piedi, a cavallo, in bicicletta

Un "autostrada" verde e slow tra Roma e Grosseto l’antica consolare romana.

Riapertura dell'antica VIA CLODIA con 100 cavalieri, 100 in bicicletta e 100 a piedi che partiranno da Roma sabato 10 maggio 2014 e arriveranno a Grosseto nella serata di venerdì 16 maggio per l’inizio di passione MAREMMA WINE FOOD SHIRE tre giorni di relax e gusto.

 

La Via Clodia nel racconto di Sandro Vannucci, ideatore del progetto:

 


"Negli ultimi mesi mi son dato un gran daffare per lasciare le strade nuove e trovarne una vecchia. E questa che ho trovato non è per niente una larga e retta via anzi è stretta e lenta. Ma è bellissima. È la Via Clodia, la consolare che due millenni fa collegava Roma a Roselle.

 

Delle tre strade che i Romani percorrevano verso il nord, tra l’Aurelia lungo la costa e la Cassia nell’interno, la Clodia risulta mediana e, a differenza delle altre due, dal medioevo si è persa ed è stata dimenticata. Collegava le fiorenti città etrusche che i Romani conquistarono una ad una, partendo da Vejo che era la più vicina, per arrivare verso il 180 a.c. a Saturnia.

 

In quegli anni un console Claudio completò la strada secondo gli standard romani: i 4 metri di carreggiata, le banchine, i ponti, le opere idrauliche a difesa, il basolato di larghe pietre lisce e le mansiones, le soste ogni 15 miglia, circa venti chilometri che si fanno tranquillamente in un giornata di cammino.

 


È per chi va a piedi che è necessario riaprire questa via. Per chi va a piedi, in bicicletta o a cavallo. Senza motore.

 


Un unico percorso verde da Roma a Roselle, alle porte di Grosseto, dove la strada si andava a ricongiungere con l’Aurelia per risalire lungo costa fino a Camaiore dove arrivava anche la Cassia e insieme affrontavano l’Appennino nel passaggio più agevole della Cisa.

 


Naturalmente c’è un bel dibattito tra storici ed archeologi delle diverse scuole per indicare il percorso di una strada scomparsa da secoli. Ci sono qua e là delle evidenze, qualche centinaio di metri di basolato, qualche traccia storica, qualche testimonianza indiretta come quella medievale della tavola Peutingeriana che rappresentava tutte le strade conosciute a quel tempo e la Clodia c’era ancora.

 

Partiva da Roma e a Vejo si divideva dalla Cassia per passare ad ovest del lago di Bracciano e poi attraverso Manziana e Blera, con dei tratti di basolati ancora ben visibili, raggiungeva Tuscania e poi Saturnia e anche qui pezzi di strada riscoperti davanti alle porte sud. Si sa che poi la strada saliva a Scansano per ridiscendere  verso la valle dell’Ombrone e Roselle. Tratti certi, pochi; ipotesi e studi, molti.

 

Ma la direttrice è questa e considerando le capacità ingegneristiche dei suoi costruttori Romani, la strada seguiva sicuramente il più facile ed il più comodo dei tracciati. Comodo per chi va a piedi,naturalmente. Un punto di vista molto diverso da chi va a motore. Se cammini cerchi di economizzare i passi ed i chilometri, ma conta anche evitar troppe salite e discese, il passaggio dei fiumi, il tipo di terreno. Tutti aspetti che gli ingegneri romani avevano ben presenti e superavano come prima e dopo di loro non seppe fare nessuno.

 

È per questo che quando siamo partiti a cavallo per il primo tratto da Roselle a Saturnia il passaggio dell’Ombrone dalle parti di Arcille è stato un momento bellissimo su un guado millenario con l’acqua quieta del fiume che sfiorava la pancia dei cavalli. Per chi andava a piedi da quelle parti c’era una barca a traghettare, ma per i camminatori d’oggi ci vorrebbe una passerella. Altrimenti la via da Roselle deve prendere la direzione d’Istia d’Ombrone dove c’è il ponte da condividere con i motorizzati.

 

Asfalto e rumore per un chilometro ad interrompere l’atmosfera, la magia dello slow trek. Solo che camminando si risale molto più in là nel tempo come sanno tanti viaggiatori che vogliono andar piano e gustare le risorse del territorio, la natura e la storia. E la Maremma, che la Clodia attraversa, è splendida per natura e unica per i segni lasciati dall’uomo.

 

Quelli della preistoria e poi degli Etruschi con la loro epopea di importanti città a cominciar da Roselle. Dopo gli Etruschi i Romani di un ponticello di qualche metro, un arco a tutto sesto sul rivo Inferno affogato nella vegetazione, lasciato al degrado e dimenticato sotto il cimitero di Montorgiali. E di nuovo Etruschi nella necropoli del Puntone prima di Saturnia dove la Clodia passa col suo basolato per la porta Romana. E poi Poggio Murelle con la grande Cisterna, il Castellum Aquarum, su tre piani di archi.

 

Dopo il guado sul Fiora, Sovana, oggi piccolo borgo prezioso, ma forte città etrusca ed importante centro medievale dove nacque Gregorio VII il grande papa che fece pentire l’Imperatore a Canossa. E ancora Pitigliano tra le sue vie cave e le stradine medievali e il ghetto. E arriva il Lazio con Castro costruita nel 1500 da un papa Farnese e distrutta cent’anni dopo da un papa Orsini. E forre nel tufo e foreste intricate dove a fine ottocento scorrazzavano  briganti famosi e inquietanti come il Tibursi. Tre millenni di storia in cento chilometri da attraversare senza far rumore."



Segnalazioni di viaggio, PER CHI VA A CAVALLO ma non solo:

DOVE DORMIRE – DOVE MANGIARE e DOVE FARE ACQUISTI GOLOSI lungo la Via Clodia o nei dintorni
BIKE HOTEL, STAZIONI DI POSTA, MANEGGI e AGRITURISMI


Maneggio Belvedere
Localita' Filetta km 4.5 Strada Provinciale Ptigliano – Sorano (GR)
Tel. 0564/615465 – 338/8100496
Pensione per cavalli: box con paddock per ospitare i cavalli per brevi e lunghi periodi. I cavalli sono giornalmente liberati nei paddoks adiacenti il maneggio per passare delle ore in autentica libertà.
Punto tappa per cavalieri e guida: paddock, poste coperte e box per ospitare i cavalli nel caso in cui si faccia tappa presso il centro.


Agriturismo Il Bagnolo
Località Podere Bagnolo – Roselle, Grosseto
Tel. 0564-402246 Cell. 347-8884787

Possibilità di ricovero anche per i cavalli.
Scuola di equitazione classica e di monta tipica maremmana, avviamento al trekking;
corso di messa in sella per principianti, per adulti e bambini con istruttore Fitetrec Ante;
addestramento e doma, anche in monta tipica maremmana;
trekking e passeggiate a cavallo nel cuore della Maremma, a partire da 2 ore fino a 3 giorni con pranzo e cena presso le aziende agrituristiche della zona

 


DORMIRE
Agriturismo biologico Sant'Egle
Via di Case sparse Sant'Egle, 18, Sorano (GR)
Tel. 39 348. 8884810 – 329.4250285


Splendido agriturismo a due chilometri dal maneggio in un'antica dogana seicentesca toscana, accanto alle terme di Sorano. Bio piscina di design con acqua salata. Vincitore "1° premio Agriturismo più sostenibile in Italia" secondo il WWF Italia. E' una struttura ecompatibile a impatto zero e preservatrice di biodiversità. Attrezzato con fontane d'acqua potabili, abbeveratoi per cavalli, staccionate di legno dove poter legare i cavalli e cibo per gli stessi. E' una struttura "Alberga Bici" ovvero 'amica della bicicletta' riconosciuta dalla FIAB, officina e compressore per biciclette. Tutti i servizi sono a disposizione gratuitamente per chiunque passi per un ristoro.


Merita fermarsi a mangiare a "La Locanda della Gola" aperta nel we, tutto rigorosamente bio.
Doppia in B&B 112€

Agriturismo Il Bagnolo
Località Podere Bagnolo – Roselle, Grosseto
Tel. 0564-402246 Cell. 347-8884787
Si trova nei pressi dell' antica necropoli di "Roselle", che un tempo estendeva la sua influenza su buona parte dell' antica Etruria. Nell'antico granaio e nella casa padronale sono a disposizione tre appartamenti e due camere. L'ambiente è l'arredo sono rustici e molto accoglienti. Tutt'intorno uno splendido oliveto.
Doppia solo dormire 70€

 


MANGIARE
Ghetto Cucina e Vino
Via Zuccarelli 47, Pitigliano (GR)
Tel. 0564/615031
Cucina a vista e ambiente in pietra e mattoncini, piccolo e accoglientee ottima cucina locale della Signora Rosa. Da non perdere la torta di frolla e ricotta!

Cantina L'OttavaRima
Via del Borgo 25, Sorano (GR)
Tel. 0564/633584
Nicola Santoro, il proprietario, è un talent scout di prodotti maremmani d'eccellenza che prepara al momento.

 


SHOPPING GOLOSO
Bottega dell'Agriturismo Sant'Egle
Via di Case sparse Sant'Egle, 18, Sorano (GR)
Tel. 39 348. 8884810 – 329.4250285
 Vendita diretta di zafferano, frutta, verdura, olio, composte, spiruliana e stevia, tutto bio.

Podere Fonterosa
Località Filetta, Sorano (GR)
Frutta e verdura la si acquistanoco direttamente in azienda agricola, il cece rugoso della Maremma e il fagiolo tondo di Sorano meritano la sosta.

Ufficio stampa passione MAREMMA WINE FOOD SHIRE


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Segui il Portale sui nostri social

Segui anche su

Altri argomenti