28 Giugno 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

La seconda settimana di gara Concorso Nazionale B**** 6-7 luglio 2010

ENRICO MARIA FRANA FINALMENTE A SEGNO  FA SUO IL PREMIO TIEFENTHALER C135 IN SELLA A UNIEK

 

Predazzo, Val di Fiemme (Trentino), 6 luglio 2010 – Dopo tanti piazzamenti nel concorso numero 100 del fine settimana, è arrivata la vittoria per il carabiniere Enrico Maria Frana alla 10 Giorni Equestre in corso di svolgimento a Predazzo, in Val di Fiemme. Il cavaliere bergamasco di Casnigo ha portato al successo Uniek ed ha fatto suo il Premio Tiefenthaler della categoria C135. “Sono molto soddisfatto – ha commentato il carabiniere – anche perché essendo partito per primo non avevo alcun riferimento riguardo al percorso e così ho cercato di tenere un ritmo alto. Alla fine la tattica che ho adottato è risultata vincente e la dimostrazione arriva anche dal tempo, di ben 3 secondi più veloce rispetto a quello del secondo classificato. Soddisfatto anche per Uniek, un cavallo di 9 anni, che sta crescendo concorso dopo concorso”.
Rimarrai in Val di Fiemme anche per il concorso internazionale del fine settimana? “Sì, e spero che nel Gran Premio di domenica vada meglio che nel derby, dove mi sono dovuto accontentare della piazza d'onore. Gareggerò con Olmo di San Giovanni, pure lui di 9 anni, con l'obiettivo di centrare un grande risultato. Purtroppo i miei due cavalli migliori sono entrambi infortunati, ma sia Olmo che Uniek si stanno comportando proprio bene, sia come velocità che sia come precisione. Sono proprio soddisfatto di come sta andando finora la mia 10 Giorni, c'è un clima eccellente, il campo gara è buono ed ora è anche arrivata la prima vittoria. Spero proprio non sia l'ultima in Trentino”.
Alle spalle di Enrico Maria Frana nel Premio Tiefenthaler si sono piazzati il comasco Silvano Graziotti su Landus, a tre secondi dal vincitore e il trevigiano Giuseppe Corno su Saturn 227, che ha invece accusato un ritardo di quasi 4 secondi.
Particolarmente interessante anche il Premio Panamania della categoria C130, nel quale il vicentino Stefano Nogara ha portato alla vittoria Nature 4, grazie ad una prova conclusa con il tempo di 35”35. Per il forte cavaliere dell'Areonautica Militare un'iniezione di fiducia dopo la sfortunata domenica nella qualche si è trovato a terra ben due volte, una delle quali nel Derby di Predazzo. Ha preceduto Marco Marangotto su Itro e Manuela Baldassarini su Armony de la Rotonda.
Nelle altre gare disputate è giunta ancora una vittoria per Virginia Argenton su Isetto nel Premio Videoexpress (categoria 7 anni a tempo), davanti ad Elisa Bozza su Wings e ad Antonio Loddo su Deborah Van Paemel, quindi tre vittorie ax aequo nei primi tre premi disputati.


LORENZO DE LUCA CON LOVESTAR CONCEDONO IL BIS
DOPO IL DERBY VINCONO ANCHE IL GRAN PREMIO CASSA RURALE DI FIEMME



Predazzo, Val di Fiemme (Trentino), 7 luglio 2010 – Lorenzo De Luca e la sua cavallina Lovestar dimostrano di avere un feeling particolare con il campo in erba di Predazzo, e dopo l'affermazione nel prestigioso Derby di Predazzo di domenica, concedono il bis anche nell'atteso Gran Premio Cassa Rurale di Fiemme della categoria C140, che ha chiuso ufficialmente il Concorso Nazionale B a quattro stelle, il secondo dei tre concorsi in programma alla 10 Giorni Equestre della Val di Fiemme.
Ed anche in questa occasione il binomio ha dimostrato di avere una velocità e una precisione superiore agli avversari, sia nella prima manche sia in quella conclusiva, tant'è che la seconda classificata Virginia Argenton su Lolli Popp, ha chiuso con ben 9 secondi di distacco. Grande tempo anche per Enrico Maria Frana su Uniek, addirittura più veloce di De Luca, purtroppo una penalità sulla verticale gli ha fatto dire addio ai sogni di gloria.
“Vincere è sempre bello – ha commentato De Luca – e in questi giorni Lovestar mi sta dando tante soddisfazioni. Sarà per il clima piacevole della Val di Fiemme, sta di fatto che sta dimostrando di essere in grande forma. Un buon segnale anche in vista del Concorso Internazionale che prenderà il via venerdì”.
Superlativa la prestazione del binomio Stefano Nogara e Nature 4 nel Premio Stivaleria Parlanti delle categoria 135. Il cavaliere di Altavilla Vicentina ha chiuso la sua prova con lo straordinario tempo di 58™h68, staccando di oltre 7 secondi Manuela Baldassarini su Armony De La Rotonda e di dieci secondi l'egiziano Diaa Amr Beshir su Kenz. “Sono proprio felice – ha commentato l'alfiere dell'Aeronautica Militare – dell'esito di questa gara, soprattutto per Nature4 con il quale ho un rapporto speciale. Con lui ho iniziato a gareggiare da quando aveva 5 anni e in questa occasione si è davvero superato”.
Alla 10 Giorni Equestre è salita alla ribalta anche Giulia Polini su Didico, giovane amazzone di Sarnico che ha vinto il Premio Nonsolografica della categoria 125. La bergamasca è riuscita a precedere il padovano Davide Gallo su Erisea per pochi centesimi, mentre in terza piazza ha concluso Luca Poli su Sansiro De Lassus. Vittoria padovana invece nel premio Marcello Gallorini su Katinka (categoria 115), alle sue spalle Francesco Gallo su Vins Van Het Gevahof a tre secondi, quindi Vera Jarolim su Landinus 2.
Parla veneto anche il Premio Devoucoux (categoria 7 anni) con il trevigiano Giuseppe Corno su Imponente, capace di precedere Paolo Paini su Blissfully Yours e Riccardo Martinengo su Nyke Athena. Nelle altre quattro gare riservate ai cavalli giovani, ci sono state altrettante vittorie ex aequo.

 

CONCORSO INTERNAZIONALE CSI** | 9-10-11 LUGLIO 2010
ENRICO MARIA FRANA CONCEDE IL BIS A PREDAZZO  PER VINCENZO CHIMIRRI ENNESIMO PIAZZAMENTO

 

Predazzo, Val di Fiemme (Trentino), 9 luglio 2010 – Duello fra forze dell'ordine nella prima giornata del Concorso Internazionale a due stelle, che animerà Predazzo e la Val di Fiemme fino a domenica. La sfida prolungata fra il carabiniere bergamasco Enrico Maria Frana e il poliziotto vicentino Vincenzo Chimirri si è risolta in favore del cavaliere della Benemerita che era in testa nel Premio Famiglia Cooperativa Val di Fiemme dopo la sua prova con Olmo di San Giovanni. Poi però Chimirri con il suo secondo cavallo in gara Temptation si è superato stabilendo un tempo velocissimo e il montepremi finale sembrava tutto suo. Non aveva fatto i conti però con la voglia di rivincita di Enrico Maria Frana che con l'agile Uniek, terzultimo cavalo in gara, non ha sbagliato nulla ed ha affrontato il percorso con un ritmo decisamente alto e il cronometro gli ha dato ragione. Così per il bergamasco è arrivata la seconda vittoria alla 10 Giorni Equestre a testimonianza della buona forma personale e dei propri cavalli e in particolar modo Uniek.
“È stata una gara molto bella ed emozionante – ha commentato Frana a fine gara – proprio per il duello con Chimirri. Quando Vincenzo mi ha superato pensavo di aver perso anche perché per questa gara avevo puntato sul primo cavallo Olmo di San Giovanni. Invece Uniek è stato straordinario. Penso che ora entrambi i cavalli riposeranno sabato in attesa del prestigioso Gran Premio Internazionale di domenica pomeriggio”.
La classifica ha visto dunque primo Frana su Uniek, secondo Chimirri su Temptation e terzo ancora Frana su Olmo.
La presenza annunciata dell'emiliano Arnaldo Bologni, uno dei migliori cavalieri italiani di sempre, non poteva non lasciare il segno. Grazie ad una prova veloce e precisa in sella a Idole De Canex ha centrato una stucchevole vittoria nel Premio Against The Clock categoria 130, fermando il cronometro sul tempo di 55”02, precedendo di 2 secondi e 38 centesimi il poliziotto Vincenzo Chimirri su Electra King, che in questa edizione della 10 Giorni Equestre non è ancora riuscito a trovare l'acuto dopo tanti piazzamenti di rilievo. Terza piazza poi per Lorenzo De Luca su Fortuna Forever.
Per quanto riguarda gli altri premi disputati nella prima giornata dell'Internazionale c'è stata l'affermazione del varesino di Gallarate Diego Chiatante su Pommelina nel Premio Fabian VA categoria 120, binomio che ha chiuso la prova con il tempo di 64”73, di 90 centesimi più veloce rispetto a Gioia Cremonese su Elighe. Nel Premio Misconel C125 si è affermato Marquet Riccardo Martinengo su Pro Und Contra 2, di ben tre secondi più veloce rispetto ad Emanuele Maria Castellini su Charleston.
Fra gli junior del Premio Brigadoi il successo ha arriso a Sebastiano Uboldi su Bebieto. Il giovane cavaliere di Gallarate ha vinto con autorità precedendo Alberto Violante su Omar e il belga Fanny Vandenbeylaardt su Isis Gold. Infine nella categoria children si è imposta Giulia Marazzini su Genio del Fabio del Sauro davanti a Francesca Garavelli su Midas.



LORENZO DE LUCA E PANAM STREPITOSI A PREDAZZO  BATTONO TUTTI COMPRESO IL FORTE ACQUAZZONE

 

Predazzo, Val di Fiemme (Trentino), 10 luglio 2010 – È sempre più una 10 Giorni Equestre di Predazzo nel segno del modenese Lorenzo De Luca, che ha centrato il suo terzo successo. Nel Premio Cassa Rurale di Fiemme, la gara più importante della penultima giornata delle kermesse della Val di Fiemme, riservata alla categoria 140, il forte cavaliere di origini leccesi in sella a Panam, di dieci anni, ha superato sé stesso, gli avversari e pure le condizioni meteo, visto che sul campo Le Fontanelle in occasione dell'ultima gara della giornata è piombato un acquazzone che ha messo non poco in difficoltà cavalieri e cavalli. Non è infatti un caso che fra i 20 partenti di questa gara solamente in 5 abbiano concluso la prova con nessuna penalità, ovvero senza abbattere alcun ostacolo.
De Luca ha chiuso la sua prova con un tempo strabiliante, fermando il cronometro sul tempo di 67 secondi e 14 centesimi, quasi 4 secondi più veloce rispetto al vicentino Stefano Nogara su Colandra, mentre al terzo posto ha chiuso lo svizzero Clint Sulmoni su Otto Des Brieres. Quarta piazza poi per l'emiliano Arnaldo Bologni su Golitzu, quindi quinto il trentino Vittorio Cavalieri su Marisol, entrambi particolarmente in forma in questa edizione della manifestazione fiemmese.
Giornata di soddisfazione anche per la Fise del Trentino Alto Adige, visto che a vincere il Premio Itas Assicurazioni della categoria 130 a due manche è stato il cavaliere di Vipiteno Karl Wechselberger su Niagara, che dopo aver chiuso al netto la prima manche nel barragge è andato velocissimo, chiudendo con il tempo di 42™h67, di 2 secondi e 60 centesimi più veloce del veneto con passaporto austriaco Miklos Csillaghy su Banca Ifis, mentre in terza piazza ha concluso la finlandese Mirella Kogelnig su Utopie 29.
È arrivata anche la prima vittoria straniera, anche se è stata incerta fino all'ultimo. L'ha fatta registrare lo svizzero Marcel Moser su Caligula Ege nel Premio Regione Autonoma Trentino Alto Adige, capace di aggiudicarsi la prova della categoria 125 per un solo centesimo sul poliziotto Vincenzo Chimirri, che mai come in questa edizione ha collezionato una serie di piazze d'onore. In terza piazza Emanuele Maria Castellini su Charleston.
La gara che ha aperto ufficialmente le competizioni nella giornata di sabato è stato il Premio Consorzio Impianti a Fune Val di Fiemme Obereggen della categoria 120 e dove si è messa ancora in evidenza la trevigiana Gioia Cremonese su Elighe, che è riuscita ad avere la meglio per un'inezia, solamente 20 centesimi, nei confronti della veronese Aurora Bortolazzi su Lundi Du Faubourg, con Vittoria Gulli su Whats On, terza.
Il Premio Latemar 2200 per la categoria juniores (categoria 115) è stato vinto dal padovano Giacomo Baldovino su Prema, che ha bruciato gli avversari per velocità e precisione. Secondo l'altro patavino Alberto Violante su Omar, quindi la belga Fanny Vandenbeylaardt su Isis Gold.
Per quanto riguarda la gara riservata alle categorie children si è imposta la bresciana Francesca Garavelli su Midas, davanti a Giulia Marazzini su Belladonna Mia.


LA FAMIGLIA BOLOGNI SBANCA A PREDAZZO
AL 16ENNE FILIPPO IL GRAN PREMIO INTERNAZIONALE

 


Predazzo, Val di Fiemme (Trentino), 11 luglio 2010 – La famiglia Bologni sbanca Predazzo. Il Gran Premio Internazionale Provincia Autonoma di Trento, che ha chiuso ufficialmente la 34esima edizione della 10 Giorni Equestre, ha visla vittoria a sorpresa di Filippo Marco Bologni, di soli 16 anni, su Kimberly 86, il più giovane fra i partecipanti e l'unico a centrare un doppio netto sia nella prima manche sia nel barrage. Suo padre Arnaldo, uno dei cavalieri simbolo nella storia dell'equitazione italiana, ha invece fatto suo il Premio Comune di Predazzo, la seconda gara più importante della giornata della categoria 130, ma si è piazzato pure al terzo posto in sella a Golitzu nel Gran Premio vinto dal figlio.
Giornata di festa dunque a Novellara, paese in provincia di Reggio Emilia, dove risiedono i Bologni, visto che solo nel Gran Premio padre e figlio hanno messo in saccoccia un montepremi complessivo di 10 mila euro, ma l'aspetto che più conta è che l'equitazione italiana ha trovato un nuovo campione, l'erede del padre Arnaldo che nella sua carriera ha collezionato una serie impressionante di successi ed attualmente è l'ultimo italiano a vincere il prestigioso GP a Piazza di Siena. “Speravo di poter riuscire ad ottenere un risultato positivo – spiega il giovanissimo cavaliere di Novellara – questa cavalla la monto da poco tempo ma sapevo che era molto veloce ed oggi in gara l'ha dimostrato nuovamente”.
Che effetto le fa aver vinto un Gran Premio così prestigioso battendo un mostro sacro dell'equitazione italiana come papà Arnaldo? “Beh, diciamo che mi spiace un po' per lui ma sono felicissimo per me. Alla fine il bilancio di questa manifestazione è senza dubbio molto positivo, qui a Predazzo si sta davvero bene e certamente tornerò anche alle prossime edizioni”.
Fra le due generazioni Bologni si è inserito il carabiniere Enrico Maria Frana su Olmo di San Giovanni, un altro dei protagonisti di questa 10 Giorni Equestre nella quale ha centrato due vittorie e tanti piazzamenti. Ha stabilito un tempo nettamente migliore di Bologni, però la penalità per la caduta di un ostacolo gli ha precluso la possibilità di successo. Il più veloce nella manche finale è stato il modenese Lorenzo De Luca, che però dalla foga di voler strafare ha commesso due penalità. Errore nel quale è incappato anche Arnaldo Bologni, alla fine terzo classificato e con un discreto tempo.
Come dicevamo papà Bologni in sella a Idole De Canex ha lasciato il segno pure nel Premio Comune di Predazzo fermando il cronometro sul tempo di 66”31, di un secondo più veloce rispetto a Oscar Baldo su Imaforni Carthago, cavaliere che ha portato sul podio anche un secondo cavallo, Odeon De La Lande. Quarta posizione poi per un altro dei protagonisti della kermesse fiemmese, il vicentino di Altavilla Stefano Nogara e la sua cavalla Colandra dalla storia commovente, visto che solo lo scorso anno era in clinica per una grave operazione ed ora è tornata a gareggiare, e addirittura a vincere un Premio nella prima giornata qui a Predazzo.
A celebrare l'internazionalità della 10 Giorni Equestre proprio nell'ultima giornata sono arrivate ben tre vittorie straniere su sei gare in programma. La più suggestiva è senza dubbio quella del sedicenne saudita Abedalaziz Aljreesy, accompagnato a Predazzo da un istruttore nonché concorrente egiziano, che hanno dato un tocco di mediorientalità alla manifestazione fiemmese. Aljreesy, in sella a Nounours Lamblardie si è imposto nelle gara con il maggior numero di partecipanti, il Premio Trentino Spa categoria 120, strappando un grande tempo, di tre secondi più veloce rispetto a quello della perugina di Città di Castello Monica Bartolucci su Odena, che ha sua volta ha avuto la meglio per 42 centesimi sul suo conterraneo Cesare Gori su Don Juan 140.
Le altre vittorie straniere sono giunte dalla belga Fanny Vandenbeylaardt su Isis Gold nel Premio Nordic Ski Val di Fiemme riservato alla categoria junior C115, davanti a Laura Brocard su Pykarla e a Giorgia Ceccarelli su Man d'Or, quindi dallo svizzero Marcel Moser su Caligula Ege nel Premio Apt Val di Fiemme riservato alla categoria 6 anni a due fasi, davanti a Michol Del Signore su Lordiana e a Karin Joyce Fischer su Quinine de Rouhet.
Infine nella categoria children è arrivata l'ennesima affermazione in questa 10 Giorni Equestre per Giulia Marazzini su Genio del Fabio del Sauro, davanti a Giulia Bassi su Helmut e a Francesca Garavelli su Midas.
Va dunque in archivio un'edizione decisamente positiva della 10 Giorni Equestre, che ha celebrato i 100 concorsi organizzati in 34 anni, ha visto al via oltre 800 binomi provenienti da 10 nazioni e che ha progetti ambiziosi sin dalla prossima edizione ch
 

Elena Chincarini


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti