26 Novembre 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

LA SPEZIERIA MEDIEVALE… anche per il cavallo…

"Il Signore ha creato i medicamenti della terra, l'uomo assennato non li disprezza"


Infatti gli uomini e le donne di questo pianeta non hanno disprezzato ciò che il buon Dio ha loro fornito per curarsi, per cibarsi e per migliorare il proprio benessere. Ancor oggi si utilizzato rimedi fitoterapici tramandati dalla tradizione popolare sia per gli umani e sia per gli animali. I medici greci, Ippocrate, Galeno e Dioscoride, e quelli latini come Plinio il Vecchio si immersero totalmente in questo mondo vegetale e fantastico, ma nel periodo medioevale
scienza e magia formarono un tutt’uno confondendosi con la stregoneria.


Le “streghe” amavano molto usare filtri a base di Giusquiamo per far vedere, una volta ingerita la pozione, folletti, diavoli ed angeli sfruttando la presenza di alcaloidi come la josciamina e l’atropina in essa contenuti. Ma se invece il filtro d’amore era la necessità delle castellane ecco usare la Mandragora per sedurre il principe azzurro; il suo nome infatti deriva dal sanscrito e significa “INEBRIARE”.


Scherzi a parte…per fortuna il Medioevo era ricco anche di monasteri dove i monaci benedettini  ricoprirono il ruolo fondamentale di trasmissione della cultura antica. Gli amanuensi con tanta pazienza trascrissero i testi greci e latini permettendo ai secoli successivi di ritrovare importanti erbari medici e l’intera cultura classica: opere di immensa portata. I monaci oltre ad essere possessori di un grande sapere vollero essere autonomi per quanto riguardava la cura degli essere umani e degli  animali. Istituirono, quindi, gli “Orti dei Semplici” . I pellegrini con i loro cavalli e muli si ritrovavano presso i monasteri a chiedere asilo, per passare una notte di riposo ma anche per ottenere farmaci per gli ammalati e per i loro animali al tempo fondamentali per la loro sopravvivenza. I monaci medievali conoscevano molto bene queste necessità.


Tra l’uomo ed il cavallo esiste un antico legame che mai potrà spezzarsi perchè  è legato al territorio, all’ambiente, alla sopravvivenza e alla voglia di essere liberi ed in sintonia con il proprio animale. Nemmeno le “streghe” del Medioevo riuscirebbero a rompere un tal sodalizio!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

  

Dott. Marta Collina
Ufficio Stampa – Olosmedica


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti