10 Dicembre 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

EMILIA ROMAGNA, IPPOVIA DEL FERRARESE

EFFETTUATO IL RAID, DAL 21 AL 25 APRILE 2012

 

KM 86,00?Diff. (I.C.I.C.) medio-bassa
 
GRANDE SUCCESO DEL PRIMO RAID!
 

Nelle giornate da sabato 21 e mercoledì 25 aprile si è svolto in provincia di Ferrara il primo raid del tratto dell’ippovia del lungo Po Ferrarese.
A questo evento hanno partecipato, oltre al Presidente Nazionale Dott. Mauro Testarella, il Vice Coordinatore nazionale Luciano Allegro, il Fiduciario di zona Dott.ssa Eleonora Gamba, il tecnico collaudatore Franco Aliprandi e i due accompagnatori di Spiaggia Romea Fabio Ciucci e Chiara Montanari; immancabile un nutrito staff di Garibaldini Volontari a cavallo che sono stati indispensabili per la buona riuscita dell’organizzazione e della logistica dell’evento tra cui la grande professionalità del Fotografo garibaldino Antonio Vitali che ha realizzato l’intero servizio fotografico mettendo a disposizione gli scatti. Compagni d’eccezione sono stati i bianchi cavalli Camargue-Delta, razza autoctona, provenienti dall’allevamento Spiaggia Romea, famosi per la loro docilità, seppur possedendo un carattere vivace, e frugalità, che ben si adattano a diverse discipline ma perfetti in particolare per il turismo equestre.
Il tracciato ha interessato le località di Ro Ferrarese, Migliarino, Pomposa, Mesola, Lido delle Nazioni, Comacchio e Anita su un circuito di elevato interesse turistico-culturale.

DSC 5246La prima tappa del raid è stato l’Agriturismo Cà Nova di Ro Ferrarese: uno splendido casale nelle adiacenze dell’argine del Po in cui si può usufruire di un centro equestre e dove i nostri partecipanti e l’equipe tutta sono stati accolti calorosamente dai proprietari che ci hanno deliziato con torte squisite. L’azienda agrituristica è situata all’interno del parco letterario dedicato allo scrittore Riccardo Bacchelli che offre numerosi spunti culturali, tra cui la ricostruzione fedele del “mulino sul Po”, mentre gli spazi verdi attrezzati per i bambini e la ristorazione tipica offerta dalla cucina tradizionale consentono ore di relax a tutta la famiglia dopo l’escursione.

Ro Ferrarese essendo addossato al fiume Po che lo limita a nord è da sempre stato territorio di frontiera e mentre oggi divide la Provincia emiliano romagnola di Ferrara da quella veneta di Rovigo, in passato rappresentava il limite estremo dell’esarcato bizantino di Ravenna 

DSC 5328B

e con l’abitato di Guarda (ad oggi esistente) rappresentava un importante ruolo nella difesa dell’esarcato stesso. Nel medioevo assunse un importante ruolo commerciale per la sua naturale posizione di dominio fluviale tanto da divenire un punto di dogana degli Estensi, Signori di Ferrara. Il nome Guarda, infatti, deriverebbe da due Torri di guardia appositamente costruite sulle due sponde del fiume con tale scopo. Territorio di frontiera significava comunque contese e battaglie. In particolare nei secoli rinascimentali gli Estensi e la Serenissima Repubblica di Venezia si affrontarono con sorti alterne. Con l’avvento dei Francesi, Ro Ferrarese perse il ruolo di frontiera entrando a far parte della Repubblica Cisalpina e tranne una breve parentesi determinata dal Congresso di Vienna non lo acquisì più entrando a far parte del Regno d’Italia nel Risorgimento.

 

Panorama-9232b

Proseguendo attraverso la campagna ferrarese il raid è giunto a Migliarino, Comune che vanta il Museo del Trotto in quanto nel suo territorio sono stati presenti allevamenti che hanno fatto la storia di questo sport e che hanno influenzato le linee di sangue delle genealogie equine del territorio tanto da essere ancora oggi a distanza di quasi un secolo rilevabili. Ma la storia di Migliarino va ben oltre il secolo passato: si perde nell’Alto Medioevo, mentre nel 1287 è citato negli Statuta Ferrariae col nome di Milliarini, derivante probabilmente dallenumerose pietre miliari che corredavano antiche strade locali. Nel XIX secolo divenne Comune con decreto del Re d’Italia Umberto I. La carovana ha fatto tappa presso B&B Cà Tiraglio che vanta tra le altre cose un’attività equestre.

Lasciato Migliarino la carovana ha puntato verso Pomposa, dove ha trovato il punto tappa dell’Ippovia adiacente all’Ostello, gestito dalla Cooperativa Biotech, e dove cavalli e cavalieri hanno potuto ristorarsi.
In questa località sorge la millenaria Abbazia omonima: i primi documenti in cui viene citata risalgono al IX secolo ma indagini archeologiche ne attestano la presenza già dall’VIII. I nostri cavalli hanno calcato le zone verdi antistanti l’Abbazia tra gli sguardi ammirati delle centinaia di turisti in visita e l’emozione di sapere che stavano passando su terre che hanno visto millenni di Storia è stata davvero grande!

DSC 5514BDSC 5397AMa l’emozione non era finita perché poi il raid è proseguito verso Torre Abate, in Comune di Mesola. Questa costruzione è una possente testimonianza dell’opera di grande bonificazione  intrapresa dagli Estensi. Risale al XVI secolo e posizionata sul canale di bonifica in prossimità dell’allora sbocco a mare, regolava il flusso ed il deflusso delle acque interne In seguito venne utilizzato anche come Torre di Guardia ed inserito nella muraglia che proteggeva la tenuta di Mesola, in particolare dalla Repubblica di Venezia. I nostri cavalli hanno passeggiato nella riserva naturale circostante, ricca di specchi d’acqua palustri in cui regnano centinaia di uccelli delle più svariate specie (aironi, avocette, cavalieri d’Italia, folaghe, svassi, pivieri, ecc. ecc.).

 

DSC 0724Proseguendo lungo una strada arginale, la carovana ha fatto tappa presso ilRanch Corte Vallona, che vanta tra l’altro una scuola di monta western.

DSC 0764Risalendo verso Mesola, il raid è proseguito sull’argine del Po. L’etimologia del nome Mesola deriva da Media Insula ed è chiaro il rapporto molto stretto tra la terra e l’acqua di questa porzione del territorio ferrarese. Anche Mesola vanta origini antichissime (possedimenti dell’esarcato di Ravenna). Tuttavia il massimo splendore lo raggiunse in epoca Estense diventando un centro di primaria importanza. Ivi gli Estensi edificarono un possente castello a ridosso del fiume e proprio il castello ha fatto da sfondo ai nostri cavalieri che dall’argine sono giunti al paese.

 

DSC 5583Ritornando tra le valli la carovana è transitata per l’oasi diCanneviè, uno splendida riserva naturale incastonata tra il Po di Volano e l’abbazia di Pomposa in cui sorge un caratteristico hotel con centro congressi e ristorante dal quale si dipanano innumerevoli sentieri per escursioni naturalistiche.

Gli-ambienti-naturalistici-attorno-a-Spiaggia-RomeaProcedendo verso sud i nostri cavalieri hanno fatto tappa a Spiaggia Romea, importante villaggio turistico al Lido delle Nazioni, posizionato sulla costa e a ridosso dell’omonimo lago. Il paesaggio offerto è del tutto unico e nella zona tra il mare ed il lago, Spiaggia Romea alleva tori e cavalli Camargue-Delta. 

 

DSC 5583Il raid successivamente ha toccato il maneggio Cà Santa Maria, punto sosta in località S. Giuseppe, per giungere alla città diComacchio, splendido abitato che sorge su innumerevoli canali. La fondazione di questo centro, chiamato per la sua caratteristica la “piccola Venezia”, risale all’epoca etrusca, più di duemila anni fa. Il nome, di etimologia incerta, pare derivare dal latino “comaculum”, che significa “piccola onda”.

L’esarcato di Ravenna e gli Estensi dominarono la città nei secoli seguenti che ebbe sempre un ruolo di primaria importanza tanto da essere citata nei versi della Gerusalemme Liberata dal Torquato Tasso.

Questi versi oggi sono incisi su una lastra marmorea posta sul ponte denominato Trepponti

DSC 5672

risalente al 1634 e divenuto simbolo di Comacchio con le sue torri fortificate e le sue cinque scalinate che collegano le sponde dei canali. Proprio i Trepponti hanno fatto da cornice al passaggio della nostra carovana per la cittadina.

Il tour si è concluso sul fiume 

Reno ai confini con la provincia di Ravenna, in località S. Alberto, dove i cavalieri ed i cavalli hanno usufruito del caratteristico traghetto (unico mezzo di passaggio del fiume).

 

 

DSC 0008

La carovana si è fermata ad Anitapresso l’Agriturismo Prato Pozzo: una splendida struttura rustica immersa in 16 ettari di verde e specchi vallivi in cui si può effettuare equiturismo con scuola, birdwatching e cicloturismo; l’azienda si caratterizza anche per essere un’attiva fattoria didattica ed avere un importante allevamento di cavalli Camargue-Delta; la caratteristca cucina della casa consente un soggiorno piacevole anche dal punto di vista gastronomico. Piatto consigliato: l’anguilla! 

DSC 0792

Purtroppo nel le giornate del raid le condizioni meteorologiche avverse hanno in parte ostacolato il percorso dei nostri cavalieri ma questo non ha influito sul loro umore ed entusiasmo che era palpabile, anzi in alcuni momenti il temporale ha reso ancora più suggestivo il paesaggio.

APPUNTAMENTO AL 20-21-22 MAGGIO DOVE SI EFFETTUERÀ UN RAID DI CONGIUNZIONE TRA LE PROVINCE DI FERRARA E DI RAVENNA DENOMINATA “IPPOVIA STORICA GARIBALDINA COMACCHIESE”

 

ENGEA
www.cavalloecavalli.it

La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti