8 Ottobre 2022

ATTENZIONE!

Stai navigando nella sezione ARCHIVIO ARTICOLI DEL PORTALE DEL CAVALLO.
Tutti gli articoli qui presenti sono stati pubblicati in oltre un ventennio e fino al 1 Giugno 2020

IPPOVIE DELLA TOSCANA – TRATTA 3

 

TRACCIATURA-COLLAUDO IPPOVIE DELLA TOSCANA
 
“A Cavallo nei Parchi Toscani”
 
TRATTA 3: Giorni di percorrenza 4, totale km. 183 percorsi a cavallo. Febbio (Re) – San Rossore (Pi)
 
L’E.N.G.E.A., su mandato tramite bando di concorso emanato dal Parco di San Rossore per nome e per conto della Regione Toscana nell’ambito del progetto “A Cavallo nei Parchi Toscani” ha tracciato e collaudato la terza tratta: Febbio (Re) – San Rossore (Pi)
 
Lunedì 23 Luglio: il Team Tecnico E.N.G.E.A., alle ore 19,00 come da calendario è arrivato al punto di partenza della 3° tratta Ippovia. Cavalli e Cavalieri sono stati ospitati da Simona Fontanini presso Asprella Ranch, Febbio –Re- centro ai piedi del Monte Cusna,  Parco Tosco-Emiliano, che offre buona accoglienza per cavalli e cavalieri, con annesso un saloon arredato in stile western, dove Simona ci ha preparato una  ottima  cena  con una deliziosa zuppa calda di legumi e altre leccornie di prodotti locali e ottima birra, con l’aggiunta gradita della stufa, vista la temperatura! Fresca….
 
Martedì 24 Luglio: dopo le foto di rito e il controllo su cartina e GPS del percorso giornaliero, alle ore 9.30 il team è partito da Asprella Ranch, Febbio (RE), quota 1091m, in direzione Passo delle Forbici.
Tra la vegetazione incontaminata dell’Appennino Tosco-Emiliano, con Massimo Tirelli come guida, profondo conoscitore della sentieristica locale, il team ha iniziato la salita. A 1400m, presso  il rifugio Segheria nell’Abetina Reale, abbiamo fatto una pausa per scaldarci, vista la temperatura autunnale, per proseguire poi, attraversando abetaie e faggete, verso Passo delle Forbici. 
Proseguendo verso Casone di Profecchia (LU) è possibile fare una sosta presso l’albergo e ristorante con cucina casalinga “Il Casone”, centro turistico attrezzato anche per l’accoglienza dei cavalli, oltre che per molte altre attività sportive, invernali ed estive.
Intorno alle ore 14.00 abbiamo raggiunto Passo delle Radici (1529m), dove abbiamo incontrato la guida ENGEA Silvano Bertoncini, accompagnato da Claudia Caterini, accompagnatore Equiturist, che ci ha condotto fino a San Pellegrino (1524m) nota per il santuario dei Santi Pellegrino e Bianco, documentato dal XII secolo, posto sul confine tra la provincia di Modena e quella di Lucca, centro di accoglienza per i romiti che attraversavano le montagne.
In paese siamo stati ospiti per la sosta pranzo di Paolo, presso l’albergo L’Appennino da Pacetto, un tempo la vecchia osteria del Duca D’Este, posta a guardia del confine tra i due ducati di Modena e Lucca. 
Abbiamo proseguito dopo pranzo, guidati da Silvano, verso Castelnuovo di Garfagnana, arrivando alle ore 19.30 a destinazione. I cavalli sono stati scuderizzati presso il C.I. Scirer’s Ranch di Silvano e Francesca, che ci hanno riservato un’ospitalità squisita, con particolare attenzione al benessere del cavallo, con professionalità, punto di garanzia in Garfagnana nel campo del turismo equestre.
Noi siamo stati ospitati presso l’adiacente agriturismo Venturo di Cinzia e Ismaele, che ci hanno accolto con la loro consueta cortesia ed ospitalità e proposto il loro menù aziendale, con ottimi prodotti, primi, carni, salumi di loro produzione. 
Tratta: tot. 46Km, asfalto 0.7%. Abbeverate cavalli ottime. 
 
Mercoledì 25 Luglio: il team è partito alle ore 9.00 da Scirer’s Ranch – Agriturismo Venturo, Castelnuovo di Garfagnana (LU), guidato da Silvano, insieme a Claudia e Elisa, verso Tereglio. Dopo poco tempo di cammino abbiamo incontrato.
La fortezza di Mont’Alfonso a Castelnuovo di Garfagnana fu concepita, al volgere del XVI secolo, come ultima roccaforte difensiva del Ducato di Ferrara a guardia del confine con il vicino lucchese.
Progettata dall’ingegnere carpigiano Marc’Antonio Pasi, realizzata tra il 1579 ed il 1586 con grande dispendio di mezzi ed energie, si qualifica ancora oggi come la più importante emergenza architettonica militare della Garfagnana Estense. Siamo entrati  nella fortezza a cavallo: molto suggestivo passare sotto la porta e sentir il suono degli zoccoli dei nostri cavalli. All’interno vi è un bar ristorante; il gestore Sign. Carlo, ci ha gentilmente offerto un caffè.
Proseguendo abbiamo guadato il fiume Serchio, e dopo vari saliscendi abbiamo raggiunto la località La Barca, dove abbiamo fatto pausa pranzo. 
Qui Silvano e il suo team ci hanno lasciato per passare il testimone alla nuova guida, Enzo. 
Abbiamo guadato tre volte il Serchio, in quanto l’ultima alluvione ha distrutto la strada che costeggiava il fiume; con guadi belli ed avventurosi, vista la velocità dell’acqua, ma i nostri cavalli non hanno battuto ciglio.
Dopo un percorso tra saliscendi e attraversando il borgo di Barga (nel tempo passato era dominio dei Fiorentini), sempre con una bella sentieristica nei boschi siamo arrivati a destinazione: agriturismo La Vecchia Fattoria di Marica, sito in Tereglio, con annesso il centro ippico, molto conosciuto nella zona per la scuola di equitazione e il turismo equestre. 
Mamma Alberta ci ha preparato una squisita cena casalinga, l’ospitalità è stata davvero familiare, una bella serata in compagnia di una famiglia molto piacevole, con papà Enzo che ci ha proposto i suoi digestivi naturali.
Tratta: tot. 46Km, asfalto 10%. Abbeverate cavalli ok. Punto sosta emergenza tra Barga e Tereglio.
 
Giovedì 26 Luglio: il team è partito alle ore 8.30 dall’agriturismo La Vecchia Fattoria di Marica, guidato da Marica e Enzo. Il tratto iniziale asfaltato percorso era la vecchia mulattiera che collegava Genova alla Versilia, mentre il casale che si scorge dall’agriturismo era la dogana del Gran Ducato di Toscana.
L’itinerario si snoda poi tra boschi di castagno, attraverso una natura incontaminata, dove la mano dell’uomo risulta quasi inesistente. Questa zona risulta particolarmente ricca di sentieri all’interno dell’area boschiva.
La pausa pranzo è stata effettuata presso il borgo di Colognora, set del film Miracolo a Sant’Anna di Spike Lee, in loco vi è anche il museo del Castagno.
Da Colognora, nelle Alpi Apuane, Marica e Enzo ci lasciano e vengono sostituiti da Claudio, che ci aspettava al borgo con il suo stallone. 
Sempre percorrendo sentieri all’interno di boschi, siamo arrivati a Torcigliano Pescaglia, presso il C.I. Horse On The Road da Laura, amica da sempre, dove abbiamo scuderizzato i cavalli, senza interesse, e provveduto alla cena del Team Tecnico e per il dormire.
Dopo una buona cena a Fiano, al ristorante da Valentino, ci siamo diretti al nostro B&B Celli Pescaglia, per il meritato riposo.
Tratta: tot. 39Km, asfalto 20%. Abbeverate soddisfacenti. 
 
Venerdì 27 Luglio: il team è partito alle 7.30 dal C.I. Horse On The Road, Torcigliano Pescaglia (LU), e attraversando boschi e borghi rustici tipici della Lucchesia abbiamo raggiunto dopo quattro ore di cavalcata il paese di Sant’Alessio, dove abbiamo incontrato la nostra nuova guida, Giacomo della A.S.D. Indian’s Cave Ranch, che ci attendeva all’ombra dei pioppi, lungo il fiume Serchio.
Giacomo ci ha condotti lungo l’argine del Serchio, con qualche piccola deviazione, per giungere, scollinando, a Massaciuccoli. Dall’alto della collina era possibile scorgere tutto il lago di Massaciuccoli,  sulla sinistra si vede l’azienda agricola Casa Rossa, con annesso il maneggio Equinatura Massaciuccoli, un centro ippico specializzato nell’equitazione naturale rivolta ad adulti e bambini,  si occupa inoltre di ippoterapia e organizza passeggiate nel parco. 
Presso il centro siamo stati ospiti per pranzo; Barbara ci aspettava con un pranzo sfizioso da lei preparato. L’accoglienza è stata a dir poco amichevole, Barbara subito si è prodigata per il benessere dei cavalli, e poi anche per quello dei cavalieri.
Dopo pranzo, accompagnati sempre da Giacomo, per qualche chilometro ci ha affiancato Ariel, gaucho argentino e istruttore del centro che ci ha ospitato per pranzo.
Il Team Tecnico ha ripreso il viaggio attraverso l’ex “padule” di Massaciuccoli tra campi di mais, girasoli e grano. 
Nel tardo pomeriggio siamo giunti a destinazione: al parco di San Rossore. Passando attraverso la Porta del Marmo, entrata nord del parco, dove ci aspettava Sara del Centro Equitazione Naturale di San Rossore, gestito da Valeria Gambogi, centro di riferimento, per le scuole, per l’equitazione nel Parco, passeggiate a cavallo e in carrozza.  
E finalmente abbiamo fatto il nostro ingresso ufficiale nel parco di San Rossore.
L’accoglienza e sistemazione dei cavalli è stata molto buona e professionale, con grande disponibilità di Sara e Valeria. 
Abbiamo pernottato e cenato presso l’azienda agricola La Sterpaia, all’interno del parco. Alla cena erano presenti, oltre al team di collaudo, l’Ing. Paglialunga, direttore del parco, e l’amico Sam Petrucci, con  alcune guide che hanno partecipato alla tratta. 
Non poteva mancare Gianluca Gabbriellini, che, come nella prima tratta, è stato un prezioso aiuto per le sue conoscenze di personaggi locali, utili alla causa. 
La mattina seguente l’intero team è stato accompagnato da Sara in un’escursione a cavallo all’interno del parco, attraverso la pineta, fino alla spiaggia. Il parco, riserva naturale protetta di oltre 230 kmq, può essere visitato a piedi, a cavallo e in carrozza, attraverso visite guidate. Durante la visita è possibile incontrare animali selvatici endemici del territorio dell’ex palude. 
Tratta: tot. 52Km, asfalto 10%. Abbeverate soddisfacenti. 
 
Il Team Tecnico E.N.G.E.A. di collaudo Ippovia Toscana con il sistema “Ippovie Italiane Certificate®” era cosi composto:
– Massimo Tirelli, Guida E.N.G.E.A.
– Catiana Croci, Accompagnatore Equiturist
– Renzo Tomi, Guida E.N.G.E.A. e  Direttore Tecnico :progetto-tracciatura-collaudo “A Cavallo nei Parchi Toscani”.
Il team di supporto logistico con L 200 e Trailer E.n.g.e.a. formato da Antonio Vitale fotografo, Alessia Mazzoni Promoter (Garibaldini volontari a cavallo) e Simona Viganò (stagista dell’università IULM di Milano).
Aziende e A.s.d. che ci anno ospitato:
Asprella Ranch Febbio –Re- , C.T. Il Casone , l’Appennino di Pacetto,  Az. Agrt. Venturo , A.s.d. Sirer’s Ranch , La Vecchia Fattoria di Marica , A.s.d. Horse on the Rod,  b&b Celli,  As.d. Equinatura Massaciuccoli, C. E. Naturale San Rossore,  Agrt. La Sterpaia.
I collaboratori:
Bravi conoscitori del territorio, lo stesso per la sua conformazione montagnosa non facile nel reperire i giusti e bei sentieri,  ci anno guidato  con sicurezza  nelle tratte  dell’Appennino Tosco/Emiliano, alle Apuane, per arrivare a San Rossore, grazie bravi ragazzi:
Massimo, Silvano, Claudia, Elisa, Enzo, Marica, Laura, Claudio, Giacomo, Sara.
 
Personalmente definisco questa Ippovia  “La tratta Verde” per la sua bellezza incontaminata, abbiamo percorso tre giorni e mezzo  su quattro interamente tra foreste , boschi,abetaie,castagneti,faggi, felci, sottobosco di vario tipo  con lamponi,mirtilli,more, insomma un bel piena di natura e aria pura, ci ha ridato vigore forza e ripulito dentro dall’aria della città.
Grazie a tutto della collaborazione 
Un altro successo per E.N.G.E.A. con il sistema “Ippovie Italiane Certificate®” 
“SI VA AVANTI … CON I FATTI E NON PAROLE”
 
La 4° Tratta da San Benedetto in Alpe –Fc- a Pieve Santo Stefano –Ar- partirà il 20 Agosto 2012
 
Renzo Tomi
 

ENGEA
www.cavalloecavalli.it


La rivista INFORMA con il IL PORTALE DEL CAVALLO e l'e-shop NON SOLO CAVALLO PIANETA CUCCIOLI, sono un grande network italiano rivolto a chi ama i cavalli e gli animali da compagnia. Informa è un bimestrale inviato in omaggio ai clienti del negozio on line in occasione di ogni loro acquisto. Il Portale del Cavallo è un magazine specialistico, un vero pioniere perché on line da oltre vent’anni. Nonsolocavallo-PianetaCuccioli è un e-commerce on line dal 2004 con oltre 15.000 articoli a catalogo in costante crescita.

Articoli correlati

Altri argomenti